Tag: stelle cadenti

ASTROLOGIAFrancesco FaraoniUncategorized

Le stelle cadenti e le comete. Una breve riflessione.

Le stelle cadenti e le comete sono gli oggetti del cielo che hanno sempre suscitato nell’animo umano grande fascinazione. In particolare le comete, un evento che si rende visibile ai nostri occhi raramente. Una prima revisione di questi fenomeni fu data da Aristotele che vedeva in questo evento una origine prodotta dal riscaldamento della Terra ad opera del Sole da cui scaturiva una esalazione, si generava cosi vapore e soffio! In effetti anche gli autori che successero a Aristotele osservavano nel fenomeno della cometa la velocità, l’improvvisazione e l’imprevisto, la rapidità del fenomeno e in alcuni casi la sua spettacolarità. La tradizione astrologica conferisce al fenomeno cometario la natura di Mercurio e di Marte, per la velocità (Mercurio) e la pericolosità (Marte). Molto raro è trovare interpretazioni positive delle comete, quasi tutti gli autori sono concordi nel ritenere il fenomeno annunciatore di disfatte e catastrofi varie.

Cose che passano troppo in fretta:
le stelle cadenti. Le ore felici. Gli haiku di Basho.
L’estate. I nonni. Le foglie quando c’è vento.
Le domeniche. Il primo bacio.
Fabrizio Caramagna

Nonostante l’arte abbia conferito alla Stella Cadente un valore positivo – si è soliti esprimere un desiderio quando ne vediamo una – anche lo spettacolo delle luci che cadono dal cielo è ritenuto dalla tradizione astrologica come apportatore di notizie per nulla liete. Le stelle cadenti sono fenomeni che in astrologia – secondo Cardano – assumono valore significativo quando concomitanti a eventi celesti importanti, per esempio una Eclissi. Come per le comete, le stelle cadenti hanno un valore negativo. Questo perché tutto ciò che è fuori dall’ordinario è visto in astrologia come qualcosa che rompe un equilibrio introducendo una sovversione di un ordine cosmico. Il che non significa una cosa negativa piuttosto è vista come una simbologia ed energia che destruttura un ordine presentando nuove istanze alla realtà percepita. Le stelle cadenti portano messaggi veloci e imminenti, la new-age associa alla stella cadente un valore positivo, del tipo “esprimi un desiderio”, ma nel linguaggio astrologico il loro messaggio è dissacratorio per il motivo spiegato sopra: in astrologia non è il caos a regnare ma l’ordine perfetto dei pianeti, del loro moto perpetuo e sempre uguale; cosicché un fenomeno esterno e improvviso è percepito come portatore di eventi di discontinuità, a prescindere dai concetti di bene e di male. Saranno invece interessanti dal punto di vista astrologico le stelle cadenti del 14 dicembre 2020, giorno del picco massimo delle Geminidi, concomitanti ad una eclissi di Sole totale che interesserà in particolare Antartide e Argentina.

Ancora oggi non conosciamo in modo assoluto l’origine delle comete. Secondo le ultime analisi della sonda Rosetta dell’Agenzia Spaziale europea proprio in riferimento alla cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko, questi corpi così particolare nacquero dall’aggregazione di grani e ciottoli di materiale ghiacciato primordiale, avvenuto nelle regioni più esterne della Nebulosa da cui ebbe origine il nostro sistema solare. Da allora questi corpi viaggiano incontrollati e imprevedibili, seguendo spesso orbite o attività che sfuggono ai calcoli sofisticati dei software e degli algoritmi matematici e astronomici oggi in nostro possesso.

Nelle notti d’agosto
non sai se la cosa che cade sia una stella,
né se a dover cadere sia proprio quella.
E non sai se convenga bene augurare
o trarre vaticini. Da un equivoco astrale?
Quasi non fosse ancor giunta la modernità?
Wisława Szymborska

Dal punto di vista astrologico, l’apparizione di una cometa può darci informazioni importanti sul piano collettivo e mondiale; se una cometa si sposta da oriente a settentrione, i suoi presagi riguardano qualcosa che proverrà da oriente e che coinvolgerà le nazioni del nord. Se l movimento della cometa è contro l’ordine dei segni, il fenomeno può annunciare un profondo cambiamento e una profonda rivoluzione nei movimenti religiosi e di culto del mondo. Spesso sono concomitanti a momenti difficili per l’umanità, a dure prove che sta vivendo, o che dovrà presto vivere, come carestie, o difficoltà sociali, economiche. Spesso annunciano la fine di un tempo… e la svolta verso un nuovo mondo, altre la fine di un regno o di un governo importante, altre ancora annuncia momenti di perniciosità e di grande rivoluzione. Quale che sia il messaggio portato dalla cometa, intende esprimere un concetto di cambiamento, di evento che spinge l’uomo a cambiare, a voltare pagina, a guardare le cose in modo diverso.

Per quanto riguarda la natura delle comete, gli autori divergono nell’associazione: oggi è riconosciuta alla cometa scura, spenta, nerastra la natura di Saturno; bianca la natura di Giove; rossa la natura di Marte; giallo a Venere; variegati e misti, o di altro colore rispetto quelli elencati alla natura di Mercurio. La natura Gioviale riguarda spesso il culto e la regione, i movimenti spirituali e le tradizioni, nonché la magistratura e le istituzioni di uno stato. la natura di Venere riguarda le malattie e gli squilibri generali del benessere di una nazione o di una società; la natura di Mercurio può riguardare fenomeni atmosferici, ma anche terrestri, di una certa violenza; la natura di Marte guerre, dissidi, litigi; la natura di Saturno carestie e momento di grande turbamento e di difficoltà. Le comete appartengono all’Ottava Sfera, quella più esterna e più elevata: è dunque importante anche conoscere la costellazione astronomica che attraverserà durante la sua visibilità, nonché l’eventuale congiunzione stretta a Stelle Fisse.

La cometa si dice sia rilevante quando viene vista a occhio nudo, quando cioè si manifesta chiaramente senza utilizzo di strumenti all’occhio dell’uomo. Molti sono in questi tempi contemporanei soliti considerare come “apparizione” il momento in cui la scienza la scopre, le indicazioni di Haly suggeriscono l’uso delle sizigie ovvero dei noviluni o dei pleniluni precedenti l’evento cometario. Possiamo certamente redigere due grafici: uno nel momento in cui viene scoperta dalla comunità scientifica, redigendo il grafico della sizigia precedente la scoperta. L’altro nel momento in cui dovesse rendersi visibile ai terrestri, sempre tenendo in considerazione la sizigia precedente la visibilità. Le due carte anche a mio giudizio possono darci informazioni più ampie e dettagliate del fenomeno di luce, dal punto di vista simbolico e del linguaggio astrologico.