Tag: previsioni

ASTROLOGIAAstrologia Mondiale: attualità, cronaca, socialeFrancesco Faraoni

IL 2021 alla Luce dell’Astrologia – Introduzione al Cielo del nuovo anno (1° Parte)

Come di mia abitudine, Settembre mi porta sempre a dare uno sguardo più approfondito all’anno che sarà. In questo approfondimento, tratterò l’anno in arrivo osservato attraverso riflessioni sul collettivo, in successivi articoli sarà dato risalto a come questo cielo potrà incidere sui segni zodiacali visti per ascendente e per posizione del Sole e della Luna.

CONGIUNZIONE GIOVE SATURNO

La congiunzione Giove-Saturno in Aquario è molto importante, essa segna la fine del 2020 e il viatico verso il 2021, è inoltre una Media Congiunzione: va a chiudere un ciclo di 219 anni dove gli incontri di congiunzione Giove-Saturno sono stati sempre (fatta eccezione per gli anni 1980 1981) in un segno della triplicità di terra. Il ciclo di oltre 200 anni ha rispettato la simbologia della triplicità di terra, perché ci ha accompagnato in un lungo cammino di industrializzazione, di ricerca e materialità, le società hanno dato un grande valore all’economia e al denaro, alla produzione e al consumo: proprio la prima congiunzione Giove-Saturno di questo ciclo, nel 1801, è avvenuta nel segno di terra della Vergine e coincise in piena rivoluzione industriale; nel mondo si stavano attivando e attuando una serie di cambiamenti sociali che avrebbero, nel tempo, ricondizionato le società umane che sarebbero state in seguito centrate più sulla produzione, sul consumo, sul denaro, sulle speculazioni delle risorse. Questa congiunzione coincise con il precedente ciclo di incontri Giove-Saturno nella triplicità di fuoco.

GRAFICO DEL PRIMO INCONTRO GIOVE-SATURNO
nella triplicità di terra 1801

La congiunzione che avremo a dicembre 2020 è particolare perché “chiude” questo ciclo di 219 anni. Non avremo più incontri di congiunzione Giove-Saturno nella triplicità di terra, ma una serie di incontri per oltre due secoli nella triplicità dei segni di aria. Questo inizio avrà luogo nella modalità Aquario, l’analisi di questa energia può offrirci qualche spunto di riflessione e qualche indicazione su cosa questo nuovo ciclo intenderà offrirci nei prossimi secoli.

Nella triplicità di aria incontriamo i segni Gemelli Bilancia Aquario che hanno temperamento caldo e umido, sono segni maschili, diurni, paregemonici, sanguigni, di sapore dolce. Secondo Retorio, Aegyptia excerpta ex Teucro Babylonio de duodecim signis (CCAG VII pagine 209-28), il segno Aquario è nella disposizione della Nascita del Mondo seguente l’angolo del tramonto, quindi è luogo che insegna sulla morte. È il più freddo dell’anno, infatti risulta opposto all’estremo caldo del Leone, Macrobio lo considera il più lontano dal temperamento umano e per questo è considerato luogo di purgazione. Retorio definisce questo segno nekrodes ovvero simile ad un morto e akneron ovvero timido, riservato, ritirato. L’Aquario è visto anche da Albumasar come segno della modestia degli uomini, Vettio Valente lo ritiene un segno che può portare affanno, lotta, doveri, lavori aspri. A proposito di Media Congiunzione, Giuseppe Bezza nel testo Le Dimore Celesti scrive: Non è inoltre estraneo (l’aquario) agli Ebrei, che hanno Saturno come pianeta significante la loro fede… benché non vi sia un segno che abbia a sua tutela Israele (dice Abrahm Bar Hiyya) la media congiunzione che significò il regno d’Israele fu il congresso di Saturno e Giove in Aquario, nell’anno 2365 dalla creazione del mondo.

L’Aquario è il domicilio diurno di Saturno ed esilio del Sole.

INCONTRO GIOVE SATURNO
in aquario a dicembre 2020
visto da Roma

Da Roma la Congiunzione Mutazionale Giove Saturno è in Casa VII, la figura ha come timoniere dell’oroscopo la Luna in Pesci in IX casa e comunicante per sestile a Giove-Saturno. Saturno governa la VII e la VIII casa. Giove la VI e la IX casa. La Luna che governa il timoniere è nei Pesci, segno disposto da Giove, in una casa governata da Giove, i luminari sono in aspetto di quadratura.

Il concerto di energie coinvolte è notevolmente importante: la media congiunzione Giove Saturno in Aquario aprirà un ciclo di oltre 200 anni di incontri Giove Saturno nella triplicità di aria, il mondo che si preparerà sarà un mondo diverso da quello avuto precedentemente, un mondo che purgherà sé stesso da certe metodologie e modi di operare troppo centrati sulla terrestrità e la materialità, per far questo qualcosa dovrà morire, definitivamente concludersi. L’economia potrà dunque aprirsi a nuovi scenari e a nuove politiche inedite, la morte che è inscritta nell’Aquario intende rappresentare un profondo cambiamento dei nostri costumi e delle nostre certezze, lo scontro ideologico tra fazioni diverse, finalizzato a riscattare le società in nuove idee di mondo e di fratellanza, saranno il diluvio universale del nuovo mondo che sarà, la media congiunzione Giove Saturno in Aquario che si presenterà anche vicino ad una eclissi totale di Sole preannuncia un grande cambiamento economico, politico, umano e sociale, dove non si intravedono imminenti e rapide riprese, ma piuttosto un ulteriore inasprimento delle condizioni di precarietà collettiva, gli animi esasperati sono obbligati a rendersi conto di una “realtà” che non può più rispondere alle esigenze dell’umanità: l’uomo deve rendersi conto dello sfruttamento perpetuato nei confronti della terra, dei danni arrecati all’ecosistema e all’ambiente, dei danni che un’economia centrata sul consumo e sulla produzione ha causato nelle frange più deboli portando disuguaglianze sociali, prevaricazioni: il 2021 è un anno con un valore di ICP più basso di quello del 2020, possono ancora emergere situazioni destabilizzanti fondamenta già logore, e quando qualcosa muore e crolla, la coscienza dell’uomo sarà obbligata a ricostruire se intenderà realmente rialzarsi. Poiché l’Aquario è energia che purga, il 2021 ma anche la nuova ciclica Giove-Saturno (congiunzione media e mutazionale) apre proprio questo processo di distillazione e purificazione necessari.

Nell’Aquario l’aria è quella della tempesta: non si esclude che la media congiunzione, nella sua formazione e successiva separazione, possa coincidere con fenomeni climatici intensi e inediti in certi luoghi del mondo, anche come segnale di un ambiente che sta cambiando, di una terra che presenta nuovi scenari, in cui l’uomo – creatura della terra – dovrà adattarsi e prenderne atto. Ricordo che l’Aquario è un domicilio di Saturno, pianeta malefico. La media congiunzione non ha dunque inizio nei Gemelli, domicilio di Mercurio, né nella Bilancia, domicilio di Venere, ma specificatamente nel domicilio di Saturno! Inoltre la congiunzione Giove-Saturno in certe condizioni può essere problematica: quando gli astri di Giove di Saturno sono insieme, sono simiglianti a due compagni, che nondimeno sono tra loro affatto diversi e ciascuno di loro aspira a danneggiare l’altro e a mandarlo in rovina. Abû Ma’sar, Libri mysteriorum

SATURNO – URANO – GIOVE

Saturno e Giove formeranno aspetti di quadratura a Urano. In particolare l’aspetto Saturno – Urano intende rappresentare la distruzione di ciò che è stato istituito e costruito durante i precedenti transiti armonici di Saturno – Urano. La compresenza di Giove amplifica questa energia e la indirizza verso valori umani e collettivi, economici, lavorativi e di benessere sociale. Il sottoscritto, dunque, non può che evidenziare – come anche feci per le indicazioni del 2020 – un anno che continua ad essere difficile e problematico, con un possibile accenno di ripresa reale all’ingresso di Giove in Pesci, nel suo domicilio, da fine 2021, momento in cui ci avvicineremo anche a cambiamenti importanti, negli anni successivi, di Plutone e Nettuno. Ci troviamo “ai confini” di certi transiti (lenti) e ad aspetti epocali sul piano Astrologico che non possono sottostimare l’interpretazione con facili ottimismi: inoltre il segno Aquario è indebitamente considerato “positivo” quando la tradizione ci insegna che la sua energia è prima di tutto di purgazione, ovvero intende “purificare” “distillare” ciò che è torbido e sporco, ciò che è fetido e inquinato, il segno è giustamente connesso anche al concetto di morte e quindi di conseguente rinascita, l’attribuzione moderna al domicilio di Urano ha reso l’Aquario un’energia “solo idealista” e orientata al cielo stellato, quando invece prima di questa visione celestiale, l’aquario è obbligato ad attraversare un lungo processo di depurazione dalle scorie: solo in questo modo si renderà visibile all’Aquario il cielo stellato.

IL 2021 PER L’ITALIA

Il nuovo anno può essere osservato anche attraverso l’ingresso del Sole in Ariete al grado zero, che segna quindi l’inizio di un nuovo ciclo solare. Per l’Italia questo ingresso coincide con il seguente grafico, domificato per Roma, capitale d’Italia.

La figura di questo grafico è retta da Mercurio perché governa l’Ascendente e si posiziona nella casa della culminazione superiore, vicino alla cuspide del Medio Cielo. Questo aumenta i valori già difficili di Mercurio, giacché in Pesci ovvero nel suo esilio e nella sua caduta. Inoltre è in aspetto di quadratura a Marte nei Gemelli, posizionato nella casa di gioia di Saturno; Mercurio governa la casa Uno e la casa Dieci. Il segno di Mercurio è disposto da Giove in Aquario e in Casa Nove.

Il governatore qui assume una prima istanza negativa ma il dispositore del segno è benevolo e attutisce i suoi lati più difficili: così da una parte il timoniere di questo grafico esprime follia, alienazione, eccessi ideologici, confusione e torbidità, ricordo che l’Acqua dei Pesci è considerata fetida (vedi Al Biruni) e quindi la posizione di Mercurio in Pesci non può che essere esiliata e cadente, ovvero i valori normali del pianeta – ragionamento, comunicazione, buon commercio, dialettica – sono alterati nella confusione e nell’alterazione del discernimento e della capacità valutativa. Per l’Italia questa carta continua a dare un’immagine poco convincente di stabilita e ripresa imminenti, almeno per i primi sei mesi del nuovo anno quando possono esprimersi anche duri momenti dialettici nel collettivo e nell’opinione pubblica, o situazioni molto difficili sul piano del potere collettivo (Governo, ed istituzioni in genere dello Stato). Ma dalla seconda parte dell’anno, Giove come dispositore del Segno potrebbe attutire e mitigare: è nel segno Aquario domicilio di Saturno, quindi è un mitigare mediocre ma che tuttavia spinge a una ripresa o ad un leggero miglioramento graduale. Marte però giace in casa XII insieme anche alla Luna, ancora debolezze e fragilità nell’opinione pubblica sono da mettersi in conto, come anche possibili inasprimenti delle condizioni o nella percezione delle libertà individuali: Marte governa la casa Sei e Saturno la casa Otto, non siamo ancora “liberi” da situazioni di emergenza e di difficoltà!

L’aspetto di quadratura tra Mercurio (timoniere dell’oroscopo) e Marte, una quadratura dove Mercurio è sovreminente, evoca concetti legati a: inganni, scandali, cose che turbano, cose nascoste che emergono, poiché i segni coinvolti sono disposti da Giove-Mercurio questo aspetto potrebbe anche essere una importante indicazione per il nostro territorio di eventi molto aspri e difficili nel settore della Giustizia ma anche dell’ordine pubblico, di fronte situazioni idealizzate, astratte, confuse, turbate, possono insorgere scandali o momenti di severità nella magistratura, ma anche situazioni difficili, ambigue nell’opinione pubblica, ovvero ideologie alienate, astratte, che richiedono una sorta di repressione o gestione da parte dell’autorità.

Inoltre questo aspetto è indicativo anche per la Chiesa Cattolica avendo essa sede proprio in Italia: Mercurio rappresenta anche il “corpo clericale” e in aspetto a Marte, poiché coinvolta la casa XII, è indicazione di possibile scisma, o fratture interne, o momenti molto delicati nelle faccende della Chiesa. Mercurio è disposto da Giove in IX: può anche indicarci un evento veramente importante legato al Ministero del Vicario di Cristo (Il Papa), evento la cui qualità non può che essere negativa essendo Mercurio nel segno della sua caduta e del suo esilio (la fine di un papato… o qualche situazione aspra tra papato e governo della chiesa, o un momento di crisi del papato in generale, per qualche evento specifico).

Indicativamente il primo passaggio di Giove in Pesci, dalla seconda metà dell’anno, dovrebbe corrispondere a un graduale miglioramento della situazione collettiva e generale, che sarà a mio giudizio più concreta e più realistica solo a fine 2021 e poi definitivamente confermata, con una ripresa più intensa, nel 2022.

Quando Marte e Mercurio si configurano in modo disarmonico, tale incontro secondo il Tetrabiblos rende distruttori, fatui, mutevoli d’opinione e specialmente di moti disordinati. Poiché l’osservazione del grafico riguarda la collettività, l’aspetto sottolinea anche possibili moti disordinati della società, probabile dunque moti di ribellione o manifestazioni contrarie al potere centrale giacché Mercurio si configura in luogo dieci.

Mercurio, sempre secondo Tetrabiblos, è causa di cambiamenti subitanei ovvero improvvisi e imprevisti, poiché è nel segno di caduta ed esilio, possono esserci improvvisi cambiamenti della condizione sociale, visto l’Ascendente essere in segno umano, riguardare specificatamente le persone e l’opinione pubblica in genere (cambio di istituzione, di governo, di potere, cambio di realtà sociali improvvise).

Quando Mercurio è dominatore, come in questo caso “gli effetti in generale risulteranno turbolenti… causa mutamenti nelle cerimonie, nelle religioni, negli ordinamenti, nelle leggi, produce venti che cambiano repentinamente… tuoni, fulmini, spaccature nella terra e terremoti, lampi, la morte degli animali e delle piante, se occidentale diminuisce la portata dei fiumi se orientale la aumenta”.

Anche se il Sole risulterà in quadratura all’Ascendente, la sua vicinanza a Venere promette comunque una seconda parte dell’anno di ripresa e di maggiori possibilità, anche perché la vicinanza di Venere è in un segno della sua esaltazione.

FINE 1° PARTE

ALTRI ARTICOLI DI QUESTO AUTORE SUL 2021:
1° Parte2° Parte

 

BIBLIOGRAFIA
Le dimore celesti, Giuseppe Bezza
L’Arte dell’astrologia, Al biruni
Tetrabiblos, Claudio Tolomeo
Astrologia mondiale, André Barbault
Fonti Retorio www.cieloeterra.it 

ASTROLOGIAFrancesco FaraoniUncategorized

Il tempo della transizione, verso il Liquor Vitae di Paracelso

Come per l’anno precedente, inizia dalla primavera l’analisi dell’anno che sarà… questo è il primo articolo che ci orienterà verso la lettura dei transiti del 2021. Dopo il 2020, anno che simbolicamente associai al Richiamo di Cthulhu, si passa alla Grande Inondazione, evento che simbolicamente intende richiamare l’Acqua dell’Aquario che se pur segno di Aria intende rappresentare il liquor-cefalorachidiano del collettivo, liquido della mente-aria la cui funzione è quella di aprirci alla consapevolezza di un nuovo mondo. Quando affrontai il 2020, negli approfondimenti del 2019, provai a descrivere i transiti del nuovo anno con il leggendario mostro dei miti di Lovecraft: scrissi che Cthulhu si prestava a rappresentare il tema della paura che avremmo affrontato nel 2020, una paura dilagante, collettiva, che avrebbe in qualche evento specifico collegato non un solo luogo del mondo ma l’intero pianeta, in eventi squassanti e terribili. Pensai ad un grave colpo all’economia globale, immaginando una recessione collettiva, ma anche eventi catastrofici (naturali) che avrebbero spinto gli umani ad una insolita e ambigua interconnessione, in un momento di fragilità disarmante. Immaginai la possibilità di nazioni pronte ad uscire da patti economici storici. Oppure grandi eventi ambientali (un fenomeno sismico o vulcanico), insomma eventi che avrebbero in qualche modo collegato tutti gli abitanti del mondo in un comune denominatore. Non mi sfuggiva in questa disanima le già celebri parole di André Barbault che in modo meno “umanistico” e meno “mitologico” descrisse il 2020 in un linguaggio tecnico, attraverso la descrizione dei cicli planetari, identificando in questa annualità un evento eclatante per tutta l’umanità, il momento più difficile degli ultimi decenni, che avrebbe segnato un importante passo verso un cambio decisivo del mondo: pandemia, guerra mondiale o catastrofe mondiale queste le tre ipotesi fatte dal maestro dell’astrologia mondiale contemporanea. Questa tragica e catastrofica visione per il 2020 è stata prodotta da un fatto-astrologico preciso: l’assediamento del segno Capricorno da frequenti transiti planetari, dove abbiamo avuto in più occasioni incontri importanti tra Saturno Plutone, Saturno Giove, Marte Giove, Marte Plutone; anche lo stazionamento di Marte in Ariete si configurava nel momento della lettura del cielo del 2020 come “elemento di esplosione” di certe energie capricorniche, un elemento di espressione massima. Conclusi l’introduzione al 2020 con questo passaggio: Il 2020 si conclude con una importante congiunzione, quella di Saturno-Giove in Aquario a 0°. Una congiunzione perfetta che chiude un ciclo di circa 240 anni e che sarà in aspetto di congiunzione anche alla stella fissa Altair:  il ciclo precedente coincise con la vigilia della rivoluzione francese, che poi successivamente avrebbe cambiato totalmente il sistema politico non solo francese ma dell’intera Europa. Come 240 anni fa, stiamo alla vigilia di una “rivoluzione” ideologica o di altro genere, che avrà il senso di gettare nuovi paradigmi nello scenario umano, al fine di separarci definitivamente da un certo tipo di Mondo, pronto a morire, per dar spazio a un nuovo Mondo, pronto ad essere scoperto e vissuto.

Poiché tendo ad affrontare i nuovi anni nell’ottica dell’Astrologia mondiale in largo anticipo, perché considero l’astrologia una materia che deve spingere l’astrologo all’arte dell’intuizione, molte cose del 2020 dovranno ancora emergere stando in questo momento nel pieno della primavera 2020, e le verificheremo strada facendo. Ma la prima cosa che voglio dire è che molto probabilmente questa Pandemia da Coronavirus la porteremo avanti nel corso di tutto il 2020, con momenti di miglioramento ed altri di recrudescenza, sarà una costante perché le energie del 2020 sono veramente potenti; il fatto che sia coinvolto il Capricorno ci deve far capire che ci troviamo in un territorio privo di pensiero magico, quindi la realtà si fa sofferente, sacrificante, difficile, e tutti gli errori commessi o le situazioni non affrontate in modo razionale e giusto, si esprimeranno in modo severo, perché la severità e l’ottusità è l’unica modalità che la Capra dello zodiaco capisce e usa.

SUPEREREMO LA PANDEMIA?

È molto probabile che il punto di espressione massimo della Pandemia sarà l’incontro tra Giove e Saturno in Aquario di dicembre 2020, perché si tratta di una grande congiunzione mutazionale, importante, che chiude un ciclo di 240 anni aprendo inoltre un lunghissimo periodo di grandi congiunzioni saturno-giove in elemento aria. Questa grande congiunzione mutazionale ci porterà verso un nuovo mondo, perché la pandemia non solo sta causando una emergenza sanitaria, ma prepara le società e le strutture del mondo ad un duro colpo economico, inevitabile oramai, e che potrebbe realmente, e non solo simbolicamente, proiettarci verso una Grande Depressione Mondiale, una recessione senza precedenti con il crollo della domanda e dell’offerta, dell’acquisto, una perdita del valore del denaro, un momento di severità dove le logiche del capitalismo possono crollare inesorabilmente sotto la risata degli déi. Solo un gesto di umana solidarietà (aquario) può generare dal crollo del capitalismo e delle logiche economiche una ricostruzione di una società diversa, solo se sarà pronta a liberarsi dal vincolo del Dio Denaro proiettandosi verso un azzeramento dei debiti pubblici, delle logiche economiche di austerity, potrà realmente riscattarsi e indirizzarsi verso un Nuovo Ordine Mondiale. L’emergenza sarà superata entro fine 2020, ma probabilmente questo virus subdolo avrà fasi di recrudescenza, perché intenderà ricordare all’uomo la sua fragilità: l’istituzione e l’ingresso dell’elemento aria potrebbe inabissare il virus dissolvendolo nel nulla, ma lasciando però all’orizzonte la visione di un mondo distrutto. A febbraio 2021 l’incontro di partile Urano-Saturno in Toro-Aquario segna a mio giudizio il vero momento di discontinuità rispetto questa crisi mondiale, e degli ulteriori eventi che emergeranno nel corso dello stazionamento di Marte in ariete del 2020. Ecco, tra fine inverno e inizio della primavera 2021 il mondo potrebbe essere fuori da una emergenza globale che lascerà tuttavia il segno nella società, una cicatrice indelebile (le indicazioni sono riferite ad una realtà mondiale e non di una nazione specifica).

CICLI PLANETARI E ICP

In astrologia mondiale contemporanea si studiano molto i cicli dei pianeti più lenti. È una tecnica utilizzata sin dall’antichità, ma a differenza della tradizione la tecnica dei cicli planetari nell’astrologia contemporanea prevede lo studio dei cicli di Urano Nettuno Plutone, oltre che di Giove e Saturno; inoltre è stato introdotto un algoritmo chiamato ICP che ci indica il “valore” delle relazioni, delle distanze, tra i pianeti più lenti, offrendoci un “numero” che ha il senso di indicarci la potenzialità armonica o disarmonico di uno specifico anno in esame. Inoltre la ciclica Giove-Saturno è di estrema importanza specialmente nella qualità degli elementi in cui essa si presenta. Esistono vari tipi di Grande Congiunzione, quella in arrivo nel 2020 a dicembre è mutazionale (perché cambieranno i successivi incontri tra i due pianeti, dal segno di terra si passa al segno di aria); è una Grande Congiunzione che poi avrà un momento veramente importante nel 2040 quando si presenterà nel collettivo una rarissima Grande Congiunzione Dorata.

I momenti più bassi di ICP dal 1900 ad oggi li abbiamo avuti in momenti precisi della storia, il valore più basso è quello relativo agli anni 1982 1983 1984 dove l’evento a mio giudizio più importante è stato quello connesso all’AIDS, concomitante anche con l’incontro tra Saturno Plutone in congiunzione nel segno della Bilancia. In quegli anni emergeva nel mondo un nuovo virus che inizialmente si presentò come un improvviso aumento di casi di soggetti affetti da patologie opportunistiche, con specifico riguardo alle polmoniti da germi opportunistici. Quando fu compreso il coinvolgimento di un nuovo virus, ci trovavamo di fronte ad una malattia che avrebbe ridisegnato le dinamiche relazionali, sociali, sessuali, perché si trattava di un “virus” trasmesso anche a causa di comportamenti sessuali promiscui, non attenti; da questo momento la sessualità è diventata un tema veramente delicato, e i rapporti sessuali e affettivi si sono modellati all’interno di una nuova modalità espressiva dei rapporti: la protezione ne rapporti sessuali, il condom come strumento di prevenzione; inutile sottolineare quanto questa malattia abbia avuto impatti sociali e culturali in tutto il mondo. Il flagello dell’AIDS è ancora di attualità, al 2018 si contano 34 milioni di morti per AIDS. Solo nel 2018, 770 mila sono i morti segnalati dall’OMS per AIDS in tutto il mondo.

In questi anni, dove il valore di ICP subisce un nuovo momento di ribasso raggiungendo un “minimo” consolidato nel 2022, ci troviamo nuovamente con l’insorgenza di un virus subdolo, coincidente la congiunzione Saturno Plutone questa volta in capricorno, che sta ridisegnando le dinamiche sociali collettive, e innescando effetti domino sull’economica globale e sull’equilibrio sociale mondiale. È ancora presto per fare bilanci rispetto questo nuovo virus, ma già osservando fine 2019 e inizio 2020 è evidente quanto il momento che si presenta risulta essere molto severo e preoccupante. Tra l’altro, l’ICP risulterà molto più basso negli anni 2021 e 2022, solo dal 2023 c’è un ritorno verso l’alto, una sorta di “segnale” di un nuovo impulso proteso alla ripresa!

Per questo gli anni 2021, 2022 e 2023 saranno ancora anni decisivi perché: nel 2021 avremo un aspetto ciclico di quadratura tra Saturno-Urano; stesso incontro lo avremo nel 2022; 2023 il passaggio di Plutone dal capricorno all’aquario: così come ricorda anche l’approccio dell’astrologia morpurghiana, il passaggio di un  pianeta da un segno ad un altro, specialmente se parliamo di un generazionale, è sempre un momento di “estrema potenza” e delicatezza. Nel 2024 invece Nettuno entrerà in Ariete. Negli anni a venire fino al 2026 i generazionali si andranno ad orientare nel cielo per formare aspetti armonici che saranno poi ufficializzati con orbite strette proprio a Luglio 2026.

Siamo dunque in anni delicatissimi… non solo per le congiunzioni o le quadratura tra pianeti, ma perché si stanno “formalizzando” dei cambiamenti epici dei generazionali.

L’ACQUA NELL’ARIA?

L’Aria è un elemento che a livello temperamentale è rappresentato dalle qualità Caldo + Umido. Il Caldo è una qualità del Fuoco. L’Umido dell’Acqua. L’Aria, dunque, è priva di qualità legate alla Terra ma presenta dei principi di Fuoco+Acqua che mescolati tra loro generano la dimensione Aria. Quindi nell’Aria troviamo sia un po’ di fuoco sia un po’ di acqua.

Quindi, l’aria è nei GEMELLI pura, libera nervosa priva di forma dinamica sguizzante. L’aria è nella BILANCIA in ricerca di un equilibrio, è luce di saggezza e discernimento. L’aria è nell’AQUARIO comunicazione superiore, consapevolezza, aria che aspira alla conduzione dei pensieri, costruiti da grandi ideologie e utopie. Nella simbologia dell’Aquario è rievocato il mito del Diluvio Universale. E il Diluvio è un mito ricorrente dopo ogni catastrofe. È l’azione dell’Angelo custode che di fronte a un mondo che precipita ci fa comprendere la fine e ci spinge a rimetterci in marcia verso un nuovo mondo, da costruire attraverso le idee. E l’aquario è uno dei segni più significativi del 2021. Il mito del Diluvio sarà di grande attualità fino al passaggio di Plutone dal Capricorno all’Aquario, nel 2023 questo mito sarà fortemente impattante.

Il Diluvio come leggenda mitologica la troviamo in tante mitologie del mondo, tutte sono legate tra loro da un comune filo conduttore: il racconto prevede un momento di inabissamento, tutto il mondo è sommerso dall’acqua, mentre una grande imbarcazione Naviga nell’oceano del collettivo, facendosi guidare esclusivamente dalle luci delle stelle, fino a che all’orizzonte una “nuova terra” sarà visibile e pronta ad essere conquistata, abitata, e da dove ricomincerà l’attività dell’uomo.

LA MITOLOGIA DEL DILUVIO

Il diluvio è una leggenda che ci tramanda il mito, e che incontriamo in tutte le culture del mondo. Nel MITO GRECO Deucalione e Pirra sono i due anziani coniugi senza figli a cui fu affidato dagli dèi la ricostruzione del mondo dove il diluvio universale; la fine del mondo è in questo mito rievocata dall’immagine dello Scheletro Materno e della necessità di buttare le ossa dietro di sé: ovvero l’emancipazione dall’Imago Mater e la costruzione di una nuova identità. Nel MITO EBRAICO CRISTIANO ISLAMICO si racconta di Noè incaricato da Dio di costruire un’Arca per raccogliere gli animali della terra, e dove affrontare il diluvio insieme alla moglie, ai figli e alle loro mogli. 40 giorni e 40 notti di diluvio, una “quarantena” biblica nei confronti del mondo. La fine del diluvio consegna a Noè un nuovo mondo da dimorare e ricostruire. Nella MITOLOGIA DEL NORD AMERICA il diluvio è una punizione nei confronti di una umanità corrotta e bellicosa. Nel MITO DEL SUD AMERICA il diluvio rappresenta nella cultura Maya, Incas e degli Aztechi la chiusura di un’epoca, la fine di un capitolo della storia umana.

Il diluvio universale rappresenta, in grande sintesi, la fine del tempo dell’uomo, una conclusione importante di un ciclo. L’acqua evocata dal diluvio è elemento di “pulizia”, lavacro delle colpe, da cui poi sorgeranno nuove terre ferme da cui ripartire. Questo è il mito rievocato negli anni 2021 e seguenti, fino a tutto il 2023 compreso, anno in cui Plutone si “adatterà” al successivo segno di transito, proprio quello dell’Aquario.

LIQUOR CEFALORACHIDIANO E AQUARIO

L’Aquario è una simbologia connessa al Liquor cefalorachidiano, che ha il suo corrispettivo alchemico al Liquor Vitae, ovvero al celebre ARCHEUS di Paracelso. Per Paracelso l’Archeus è l’energia creativa che permane nella natura sotto forma di Forza Universale Generatrice. È un “elemento” che ordina, organizza e presiede la vita fisiologica degli organismi viventi. L’Aquario è associato al Liquor sia in senso esoterico (Archeus) sia in senso scientifico. Il liquor è l’Aria sotto forma di Acqua, ovvero Aria Aquariana! In senso scientifico la funzione del liquor o liquido cefalorachidiano è strettamente legata all’attività cerebrale, sede dei nostri pensieri (aria): protegge il sistema nervoso centrale da urti contro le strutture ossee, è presente nelle meningi, nei ventricoli degli emisferi cerebrali ed esternamente al midollo spinale, è un cuscinetto idraulico che protegge il sistema nervoso, è un liquido che permette inoltre di controllare le modificazioni dell’ambiente interno; se ci sono modificazioni di CO2 il liquor stimola a far emergere risposte automatiche dai centri respiratori del tronco cerebrale che regolano il rifornimento di ossigeno e regolano il pH del corpo (fonte sulle funzioni del liquor wikipedia).

COME QUESTE ANALOGIE SI POSSONO INTERPRETARE

Per il 2021 è emergente l’immagine della risposta umana nei confronti dell’emergenza collettiva. Questi simboli vanno osservati nell’aspetto dominante del 2021, che è quello tra Saturno e Urano in quadratura. Non condivido dunque l’idea di molti interpreti del linguaggio astrologico che vedono nel transito di Saturno in Aquario del 2021 un momento di “risoluzione” e di grande guadagno collettivo, ovvero la ripresa globale. A mio giudizio, invece, Saturno in Aquario ci  accompagnerà tra le macerie dell’emergenza pandemica che, una volta risolta, ci conferirà un mondo profondamente cambiato e ferito. Come una nave nel mezzo di un diluvio, che approda a tempesta finita su una nuova terra: è reduce dalla tempesta e la terra ferma che incontrerà porterà in sé i segni della devastazione, e dunque la necessità di ricostruire. Non dobbiamo poi dimenticare che l’aspetto di Saturno in quadratura a Urano è un aspetto “privativo” delle libertà fondamentali, nonché un aspetto che mina le sicurezze del collettivo introducendo la coscienza in un contesto di estrema fragilità; Saturno che quadra Urano è anche ribellione, rivolta, contro l’autorità e il potere. È sicuramente un punto di partenza… ma è ancora troppo “poco” per ritenere che questo aspetto sia di ricostruzione giacché lo stesso aspetto è anche da Barbault considerato “invalidante”, nonché destrutturante rispetto alle conquiste precedenti. Ovvero tende a distruggere ciò che è stato creato precedentemente, e che in un certo senso non è in sintonia con il nuovo mondo che è.

È immaginabile dagli aspetti che emergono nel 2021 che la società del mondo sarà soggetta a grandi trasformazioni politiche ed economiche, probabilmente anche a causa di una recessione globale o di una società che “cambia profondamente” il suo stile di vita, anche all’uscita dall’emergenza virale. L’aspetto Saturno-Urano in quadratura è a mio giudizio un duro colpo per la “liquidità”, potrebbero sorgere nuove economie, nuovi modi di pagamento, nuove monete, c’è una maggiore proliferazione di monete regionali/feudali, oppure monete elettroniche, oppure tessere magnetiche-elettroniche con cui le persone pagano i servizi, utilizzando la moneta elettronica e sostituendo gradualmente quella di carta. Il capitalismo è soggetto a revisione. Il mondo del lavoro cambia drasticamente. Le tecnologie DEVONO ESSERE utilizzate con saggezza e amplificate, c’è l’imposizione da parte di Urano di usare la tecnologia come “nuovo sistema” umano di comunicazione sociale e di produzione.

È probabile che l’attività di Saturno quadrato Urano determini una nuova rivoluzione mondiale, un po’ come quella francese che ridisegnò completamente l’Europa e il mondo. Le ribellioni utopiche e ideologiche possono emergere con maggiore violenza, poiché Urano in dissonanza a Saturno intende rappresentare una dura crisi delle risorse del collettivo, che inevitabilmente amplificheranno la rabbia sociale.