Tag: leonarda cianciulli

ASTROLOGIAFrancesco FaraoniIndagine Astrologica

Stelle Fisse nei serial killer: un ultimo caso, la Saponificatrice Cianciulli

La vicenda criminale della Cianciulli è dura, spietata; quando lessi la sua biografia e i dettagli dei suoi delitti, dire di aver provato disgusto è poca cosa. La Cianciulli è chiamata “La Saponificatrice”: le sue vittime sparivano nel suo calderone, ridotte in melma gelatinosa per ricavarne sapone che, senza alcuna inquietudine, regalava volentieri ai suoi vicini. Le note biografiche della criminale non mettono in luce una infanzia particolarmente difficile. Fu solo dal 1917, all’età di 23 anni, che la decisione di sposare suo cugino Raffaele Pansardi suscitò molti malumori in famiglia, a tal punto che la madre maledì la figlia alla vigilia delle nozze, contrariata da questa scelta, il loro rapporto da quel momento si interruppe definitivamente.

Che la Cianciulli non abbia avuto una vita facile lo deduciamo subito dalla Luna in casa dodici congiunta al Nodo Sud. Osserviamo che la sizigia precedente la nascita della Cianciulli è una Eclissi di Sole avvenuta il 6 Aprile 1894: la sizigia è un novilunio o un plenilunio, quindi può essere anche rappresentata da una eclissi. Tuttavia sul piano simbolico l’eclissi è molto più evocativa. La Luna che si posiziona in casa XII vicino al Nodo Sud ci parla del tema femminile, lo evoca con prepotenza e forza, evocando anche il tema del materno, inevitabilmente questa posizioni mi fa pensare alla maledizione che Leonarda poi ha avuto dalla madre, poco prima del suo matrimonio, ripudiata quindi dal femminile-materno e condannata da esso, ecco che la Luna in XII intende anche rappresentare un vissuto materno potenzialmente conflittuale, proprio per via della vicinanza al nodo lunare sud (qualcosa di cui liberarsi… ma posizionando in XII tale liberazione è difficile, perché il femminile e il materno come tematiche suscitano pensieri, emozioni e a volte inquietudini).

La durezza del grafico di nascita della Cianciulli la vediamo anche  in Saturno che è proprio sul bordo dell’orizzonte, sull’ascendente. Saturno è eccessivamente freddo, tende a irrigidire, a congelare, raffreddare. Dunque posizionato in quel modo sulla cuspide dell’Asendente, raffredda l’Alba, raffredda il Punto Sorgente e quindi abbiamo una posizione dominante di Saturno che candida perfettamente il grafico ad essere definito “saturnino“; i saturnini hanno una modalità più cinica e fredda rispetto alle emozioni e al modo di esprimersi; non è una posizione di per sé negativa, ma certamente favorisce l’impassibilità, ovvero Saturno più è vicino alla cuspide dell’Ascendente più tende a conferire un atteggiamento emotivo freddo, glaciale, indifferente o insensibile, imperterrito, imperturbabile. Questa modalità è certamente adatta e vincente per coloro che orienteranno la loro vita nella ricerca, nello studio, nell’approfondimento, nella conoscenza, poco si adatta invece all’emotività, alle relazioni affettive, alla compassione, alla pietas. Questo aspetto osservato nel grafico di questa criminale, spiega del perché non provasse disgusto nello sciogliere negli acidi i corpi dei malcapitati, trasformandoli poi in sapone, regalando le saponette così confezionate ai propri vicini. Insomma ci vuole proprio lo stomaco di un saturnino per fare cose del genere. A proposito di sapone. A chi associamo questo oggetto? A Venere! E Venere è il signore dell’Ascendente della Cianciulli. Una Venere che avrà come vedrete tra non molto un ruolo fondamentale rispetto alle Stelle Fisse del grafico di nascita della saponificatrice più celebre della storia.

L’aspetto più forte tra Stelle Fisse e Angoli del Grafico di Nascita della Cianciulli è un sestile di Algol symbol (Agripe 1531).svg ALGOL alla cuspide del Medio Cielo, dove troviamo congiunta la stella  Agrippa1531 Canisminor.png PROCYON. La predisposizione agli atti cruenti è a mio giudizio ben espressa da queste due stelle. Algol è in un aspetto armonico al Medio Cielo quindi ha un senso di protezione rispetto al proprio “territorio emancipativo”, luogo della autonomia. Infatti nei verbali consultati la Cianciulli spesso dichiara di aver fatto ciò che ha fatto per proteggere i propri figli. Secondo le sue dichiarazioni, dava da mangiare ai figli biscotti impastati con il sangue di chi uccideva, dedicando questo rito culinario (Venere è ritualità culinaria) alla Dea Teti; dichiarò in varie occasioni di essere la reincarnazione della dea e di voler proteggere i suoi figli, come in effetti la mitologia racconta su Teti che rendeva i suoi figli immortali bagnandoli nelle acque dello Stige. La Stella Procyon è della natura di Mercurio-Marte e dona intensa attività mentale e fisica, capacità di sopportare quindi sforzi immani e alte capacità di resistenza, ma in senso negativo questa stella conferisce la malvagità e la violenza improvvisa e spietata, dove non c’è peso o sforzo nel perpetrarla. Questo carattere si amplifica con Saturno che sorge all’orizzonte perché, come detto, espande molto il cinismo e la spietatezza, inoltre è un Saturno che censura la morale, l’etica, e per commettere gesti atroci ci vuole stomaco e capacità di non farsi piegare o influenzare dalla moralità.

Quello che voglio affermare in questo articolo è molto semplice: non è detto che servano aspetti negativi affinché un lato oscuro di noi possa esprimersi, inoltre non è certamente una stella fissa che può farci diventare o meno assassini, siamo noi a decidere sempre e comunque. Ma se una persona con Procyon congiunta al Medio Cielo e in aspetto ad Algol decide di diventare un assassino, lo farà presumibilmente in difesa dei propri territori sacri, e come forma di protezione nei confronti di ciò che si ritiene essere una propria proprietà. Proprio i verbali dell’interrogatorio ci aiutano a comprendere la motivazione dei gesti di Leonarda: non arriva a dare una spiegazione chiara, gli psichiatri arrivano a dire che sia malata di mente, tuttavia spesso riconduce i suoi gesti al suo ruolo di madre e alla sua voglia di proteggere i figli che riteneva fossero soggetti a maledizioni oscure. Vi ricordate la maledizione della madre? Prima che si sposasse, la giovane ragazza fu maledetta dalla madre… è da quel momento che si è spezzato un equilibrio in Leonarda Cianciulli. Nei suoi atroci gesti ci vedo l’eco della maledizione della madre, lei che cerca come una strega di proteggere i frutti del suo grembo da quell’Anatema lanciato da una figura importante come può essere quella materna.

Saturno sorge nel grafico. La Luna è sopra l’orizzonte in XII vicino al Nodo Lunare. La sizigia precedente è una eclissi. Aggiungiamoci pure che all’orizzonte la stella più importante è VINDEMIATRIX perché congiunta alla Luna e al Nodo Lunare Sud. Nel testo The Fixed Stars, healt and behavior imbalances, di Ted George e Barbara Parker, c’è un passaggio molto interessante sulla congiunzione Luna e Vindemiatrix: sarebbe secondo gli autori un aspetto che richiama la “paura della perdita” paura cioè di perdere ciò che si ama, o chi si ama, sia come persone che come oggetti. Ripetendomi, nei verbali è frequentemente presente l’idea della Cianciulli di dover compiere questi gesti atroci per proteggere i suoi figli, le persone che ama, perché ha paura che qualcuno li porti via. Anche se è vittima di un delirio, la modalità di questa alterazione è fortemente in analogia agli aspetti presenti nel suo grafico di nascita in relazione alle stelle fisse.

Il primo assassinio avviene quando Marte di transito, passa in aspetto di congiunzione sopra la Venere di nascita di Leonarda. Venere è signore dell’oroscopo. Inoltre è negli aspetti di nascita in aspetto a Sirius (trigono) stella che a sua volta è in aspetto alla Luna e al Nodo Sud (quadratura), aspetti ovviamente stretti (orbita entro 1°). La stella Sirius - Agrippa.png SIRIUS ha una luce potente, in certe carte di nascita quando posizionata in modo forte può indicare l’immagine del Guardiano di colui che deve proteggere qualcosa di importante, ma è anche vista come stella che guida, capace di infondere protezione nel senso di orientare verso le direzioni giuste gli altri. Tuttavia Sirio è considerata molto pericolosa quando è in aspetto a Marte perché accentua i suoi valori marziali, o quando è in aspetto disarmonico ai luminari. Nel caso della Cianciulli, Venere è il signore dell’Ascendente e forma un aspetto di trigono a Siro. Un aspetto molto bello, positivo, che rende la persona fortemente venusiana. In un certo senso il carattere saturnino di Leonarda osservato nella sua capacità di uccidere con disinvoltura, senza ribrezzo, senza un vero pentimento, con spietata lucidità mentale…. si associa a modalità venusiane. I rituali che mette in pratica per la decomposizione dei corpi, sono tutti venusiani: fa bollire le ossa, attiva il processo della saponificazione, usa profumi per dare odore alle saponette. Tutti atteggiamenti da Venere – trigono – Sirio, ovvero molto venusiani. Ma Sirio risulta in quadratura alla Luna-Nodo sud, questo aspetto amplifica ulteriormente i significati della congiunzione Luna-Nodo in dodicesima, dove abbiamo la paura dell’abbandono, e la paura che le persone che si amano vengano meno, oppure ferite od offese da qualche cosa di esterno (di non precisato). In tal senso, Sirio amplifica queste paure, manifestando i suoi lati marziali, dunque per proteggere ciò che si ama si è disposti a tutto, anche ad uccidere e a trasformare i corpi morti in saponette!!!

 

ALCUNI ESTRATTI DEI VERBALI

«Gettai i pezzi nella pentola, aggiunsi sette chilogrammi di soda caustica, che avevo comprato per fare il sapone, e rimescolai il tutto finché il corpo sezionato si sciolse in una poltiglia scura e vischiosa con la quale riempii alcuni secchi e che vuotai in un vicino pozzo nero. Quanto al sangue del catino, aspettai che si coagulasse, lo feci seccare al forno lo macinai e lo mescolai con farina, zucchero, cioccolato, latte e uova, oltre a un poco di margarina, impastando il tutto. Feci una grande quantità di pasticcini croccanti e li servii alle signore che venivano in visita, ma ne mangiammo anche Giuseppe e io….»

«Finì nel pentolone, come le altre due (…); ma la sua carne era grassa e bianca: quando fu disciolta vi aggiunsi un flacone di colonia e, dopo una lunga bollitura, ne vennero fuori delle saponette cremose. Le diedi in omaggio a vicine e conoscenti. Anche i dolci furono migliori: quella donna era veramente dolce