Tag: hiv

ASTROLOGIAFrancesco FaraoniUncategorized

L’OMS avverte: Coronavirus potrebbe non sparire come HIV. Correlazioni astrologiche.

Le correlazioni astrologiche rispetto ai fenomeni di emersione dell’HIV e del CORONAVIRUS si fanno giorno dopo giorno sempre più rispondenti ad un dato oggettivo che sta emergendo anche nella comunità scientifica. Proprio poco fa l’OMS ha lanciato l’allarme della durata della pandemia in corso, che potrebbe essere molto lunga, e potremmo inoltre stare difronte ad un virus simile all’HIV, di difficile gestione o con cui dovremo convivere introducendo nella nostra esistenza nuovi stili di vita. «Bisogna fare ancora un lungo cammino fino alla cosiddetta “nuova normalità”», ha dichiarato Mike Ryan, capo del Programma di emergenze sanitarie dell’Organizzazione mondiale della sanità «L’Oms non abbasserà il livello di allarme fino a quando non disporremo di un significativo controllo del virus e di sistemi sanitari più forti […] Potrebbe non scomparire mai, come l’Hiv. Non sto confrontando le due malattie – ha precisato -, ma penso che sia importante essere realisti. Non credo che nessuno possa prevedere quando o se questa malattia scomparirà». (Fonte Corriere.it e Ansa.it)

La cauta precisazione dell’esperto è doverosa, la scienza lavora su metodologie empiriche rigorose. Tuttavia astrologicamente i due fenomeni relativi all’HIV e al Coronavirus sono coincisi in due momenti astronomici significativi: la congiunzione tra Saturno e Plutone. In tutti e due i casi abbiamo una riproducibilità di aspetto, ma cosa più significativa il fatto che in entrambi i casi la congiunzione Saturno Plutone si presenta in aspetto di sestile a Nettuno. Plutone come Nettuno sono due pianeti che astrologicamente sono piuttosto moderni, e appartengono all’astrologia contemporanea; tuttavia per quanto riguarda l’evento dell’Hiv e del Coronavirus, è oggettivamente rilevante l’aspetto che si è formato nei due momenti storici. Il virus dell’HIV ha causato un “distanziamento” sessuale, i rapporti sessuali sono diventati pericolosi vettori di un virus mortale e letale, la malattia apparve inizialmente con sindromi polmonari e respiratorie da germi opportunisti di cui non si capiva la causa. Il virus Covid-2019 appare con sindromi polmonari, inizialmente l’agente eziologico era sconosciuto e man mano che è passato il tempo è emerso questo virus subdolo che ha imposto un “distanziamento” sociale. In entrambi i casi il distanziamento è nella relazione tra individui.

emersione HIV

VIRUS HIV EMERSIONE – nell’emersione del Virus Hiv è significativa la congiunzione Saturno-Plutone (vedi grafico sopra) che è stata partile il giorno 8 novembre 1982. La congiunzione avvenne nella simbologia della BILANCIA al grado 27; osserviamo nel grafico che questa congiunzione va in aspetto di sestile a Nettuno, in quei tempi nel segno del Sagittario a 25°. Secondo le ricerche compiute presso gli Archivi di EPICENTRO dell’Istituto Superiore di Sanità  “la sindrome HIV è stata riportata per la prima volta in letteratura nel 1981, anche se già negli anni Settanta erano stati riportati casi isolati di Aids negli Stati Uniti e in numerose altre aree del mondo (Haiti, Africa ed Europa)”; si legge tuttavia che è solo a giugno 1982 si comincia a capire che si era difronte a qualcosa di importante e severo; i primi casi infatti registrati non furono inizialmente associati ad un virus sconosciuto; solo successivamente quei casi sono stati attribuiti al virus. “Quando nel giugno 1982 viene registrato un gruppo di casi fra maschi omosessuali nel sud della California, comincia a serpeggiare fra i ricercatori l’ipotesi che la malattia abbia un’origine virale. Nel mese successivo, quando i Cdc contano 452 casi totali in 23 Stati diversi, si registrano i primi casi fra gli emofiliaci, individui portatori di un difetto ereditario nei processi di coagulazione del sangue e obbligati quindi a sottoporsi a continue trasfusioni“. Dal 1982 anno della congiunzione Saturno-Plutone in Bilancia in aspetto di sestile a Nettuno, emerge la nuova malattia che diventa epidemica e poi pandemica, perché coinvolgerà tutto il mondo. Proprio a Novembre 1982 il CDC (l’istituto superiore di sanità americano) tira le somma di quanto stava emergendo, proprio durante il perfezionamento della congiunzione Saturno-Plutone in bilancia. Riporto una citazione tratta dal testo “Pandemie d’Italia” di Guido Alfani e Alessia Melegaro dove c’è un importante dato storico che conferma l’aspetto Saturno-Plutone in sestile a Nettuno potenzialmente pernicioso per l’emersione di virus del “nuovo mondo”:

Quando, nel novembre 1982, il CDC tirò le somme dei quasi 600 casi diagnosticati fino ad allora, la situazione appariva già estremamente preoccupante, in quanto il 41% dei malati era deceduto, e il numero di infetti sembrava tendere a un raddoppio ogni sei mesi circa.

C’è una consapevolezza nel sistema sanitario americano che si raggiungere proprio a novembre 1982, mese del perfezionamento della congiunzione Saturno-Plutone che risultava in aspetto di sestile a Nettuno in Sagittario.

EMERSIONE CORONAVIRUS – l’emersione del covid-2019 è subdola quanto quella dell’Hiv. Man mano che passa il tempo, si scoprono cose sempre nuove. Per esempio pare che il virus fosse già attivo prima di dicembre 2019, mese in cui (il 31 dicembre 2019) la Cina segnala all’OMS una situazione fuori controllo rispetto l’emersione di polmoniti interstiziali causate da un virus sconosciuto. Ci troviamo in un momento astrologico epico: c’è la congiunzione Saturno-Plutone in corso che sarà poi perfetta (partile) il 12 gennaio 2020. Questa congiunzione avviene nel segno del Capricorno, che dista 90° da quello in Bilancia in cui ci fu la precedente congiunzione del 1982, e anche questa congiunzione si presenta con un sestile a Nettuno questa volta in Pesci, che dista 90° dal segno Sagittario in cui si trovava il precedente Netuno in sestile alla congiunzione Saturno-Plutone del 1982. Vediamo il grafico.

emersione coronavirus

Saturno-Plutone sono inoltre in una conformazione di sinodo perché è presente il Sole che illumina la congiunzione; si trovano al grado 22 del Capricorno; mentre Nettuno in Pesci si trova a  16°, in aspetto di sestile. Proprio durante il mese di gennaio 2020, quando la congiunzione Saturno-Plutone si è perfezionata in partile, l’emergenza coronavirus è emersa in modo drammatico, per espandersi a macchia d’olio in tutto il mondo, con risultati perniciosi in alcune parti del mondo. Il fatto che oggi l’OMS faccia questa “strana” analogia con il Virus Hiv non è nell’occhio attento dell’astrologo una assurdità, perché in entrambi i fenomeni abbiamo due aspetti molto rari, che sono proprio le congiunzioni Saturno-Plutone in aspetto di sestile a Nettuno, una conformazione direi rarissima che in entrambi i casi è coincisa con un fenomeno di “fragilità” che ha minato e sta minando la relazione umana e sociale.

Questo aspetto si presenta all’interno di un anno, il 2020, molto particolare sul piano astrologico: c’è la fine di un ciclo di 240 anni Saturno-Giove dove cambia il paradigma dell’elemento. Dalla dimensione Terra aperta dal segno Vergine nel 1800 dal ciclo Saturno-Giove, si sta andando verso la dimensione Aria dal segno Aquario, che coinciderà con un altro ciclo di oltre 2 secoli in cui Saturno-Giove si incontreranno nella triplicità d’aria. Cambiando il paradigma, cambiano anche le dinamiche sociali, culturali, e le coscienze collettive. C’è da fare una annotazione importate: l’emersione dell’HIV coincise, tra l’altro, con l’incontro nel 1981 di Saturno-Giove in Bilancia, un “avvertimento” della ciclica Saturno-Giove pronta al cambiamento definitivo di elemento poi nel 2020. In quei tempi l’incontro in elemento aria di Saturno-Giove anticipò l’evento HIV emerso poi in modo chiaro e netto nel 1982 con Saturno-Plutone. Oggi abbiamo prima l’incontro Saturno-Plutone…. e successivamente l’incontro Saturno-Giove in Aquario che in modo definitivo e ufficiale aprirà la lunga ciclica dei due pianeti nella triplicità d’aria. Quanto ancora deve emergere, dunque? E’ probabile che l’emergenza non sia affatto finita qui… il passaggio di Saturno in Aquario e di Giove in Aquario non garantisce una “via di uscita” piuttosto intende descrive – a mio giudizio – il cambiamento della società in una ciclica che ufficialmente ci avvierà verso nuove realtà. Sperando che l’OMS abbia torto… se questo virus circolerà e sarà difficilmente debellabile, la nostra generazione pagherà le conseguenze più dure, perché dovrà adattarsi ad un nuovo mondo e a nuove dinamiche sociali, regole sociali e di interazione, che ci proietteranno verso un ulteriore distanziamento sociale, forse così cominceremo a guardare meno la “terra” (bisogni carnali) e inizieremo a tornare ad alzare gli occhi al cielo, per comprendere quanto sta accadendo su un piano più umano e più spirituale.

Inoltre, è indiscutibile che questi aspetti conferiscono un’importanza strategica e impattante ai generazionali che – almeno dal punto di vista dell’astrologia mondiale – assumono ruoli rilevanti, come d’altronde André Barbault aveva capito. I generazionali Urano Nettuno Plutone, secondo il grande astrologo francese, sono molto importanti nello studio delle cicliche mondiali, e forse meno rilevanti per gli aspetti personali e individuali.