Tag: 2021

Astrologia Mondiale: attualità, cronaca, socialeFrancesco Faraoni

La congiunzione Giove-Saturno: accenni e orientamenti

L’uso principale delle previsioni fondate sugli incontri di Giove Saturno lo rintracciamo nella cultura persiana, dove i Sasanidi risultano essere particolarmente interessati allo studio di questo fenomeno. La regolarità dell’incontro Giove Saturno ha probabilmente affascinato l’Astrologia e in questo fenomeno si è vista la ricorrenza di un certo ritmo della storia dell’uomo. Giove Saturno si incontrano ogni venti anni, la congiunzione si ripete per circa 12 volte all’interno di una stessa triplicità ovvero ogni 20 anni Giove Saturno si incontrano nello stesso elemento (nella triplicità di fuoco quindi nei segni Ariete Leone Sagittario; nella triplicità di terra nei segni Toro Vergine Capricorno; nella triplicità di aria quindi nei segni Gemelli Bilancia Aquario; nella triplicità di acqua quindi nei segni Cancro Scorpione Pesci). 12 volte in un ritmo che scandisce periodi storici precisi in cui Giove Saturno assumono il ruolo di architetti celesti alla base della costituzione dei fenomeni umani, sociali, politichi, collettivi. Passato questo ciclo, si passa al successivo, con il cambio della triplicità e le susseguenti congiunzioni ventennali.

L’Astrologia Storica è il principale riferimento bibliografico che abbiamo a disposizione per lo studio di questo fenomeno, anche dal punto di vista astrologico. Questa dottrina ci dice che nello studio delle congiunzioni Giove Saturno dobbiamo prendere in considerazione le triplicità astrologiche; quindi i momenti della congiunzione Giove Saturno; e ci viene indicato che tale studio va inserito all’interno dell’Immagine del Mondo all’Equinozio di Primavera, ovvero seguendo una serie di variabili l’incontro Giove-Saturno deve essere collocato nell’Immagine del Sole al Grado Zero dell’Ariete.

Lo studio degli incontri Giove-Saturno deve tenere in considerazione anche lo studio della triplicità, dove brevemente ricordo:

  • la triplicità dei segni di fuoco ha come Signore diurno il Sole e come Signore notturno Giove; la triplicità dei segni di terra ha come Signore diurno Venere e come Signore notturno la Luna; la triplicità dei segni di aria ha come Signore diurno Saturno e come Signore notturno Mercurio; la triplicità dei segni di acqua ha come Signore diurno Venere e come Signore notturno Luna.

 

Dal punto di vista Terrestre, la congiunzione di due pianeti si ha quando si incontrano in uno stesso punto rispetto alla longitudine celeste, e quindi con stessa ascensione retta, per i metodi astrologici è molto importante la longitudine celeste, e quindi che la congiunzione avvenga all’interno dello spazio eclittico, ovvero luogo in cui avviene il moto apparente del Sole. L’Astrologia storica conferisce una grande importanza al fenomeno di congiunzione Giove Saturno: oggi siamo soliti guardare questo incontro come fenomeno di transito quindi è decontestualizzato e visto semplicemente come due pianeti che si incontrano e da cui decretiamo una serie di informazioni più simboliche che astrologiche. Infatti la Congiunzione Giove Saturno va almeno inserita all’interno del Grafico dell’ingresso del Sole in Ariete dell’anno in cui avviene la congiunzione stessa.

A dicembre 2020 avviene la Grande Congiunzione Giove-Saturno in Aquario al grado zero. Questa andrebbe quindi inserita nell’ingresso del Sole in Ariete del 2020: andrà analizzato l’oroscopo che ne deriva tenendo in considerazione il segno in cui avviene questo incontro, rispettando la triplicità. L’Ascendente della Grande Congiunzione è quindi, solitamente, l’Ascendente dell’ingresso del Sole in Ariete, almeno rispettando le procedure dell’Astrologia Storica.

I Sasanidi decretavano le sorti del re, del governo, del potere e delle società in genere proprio da questa osservazione, e gli astrologi potevano indicare l’andamento di certi periodi storici dalle immagini celesti di questi importanti eventi astronomici. Il ciclo di Giove-Saturno ha un ritmo sacro: sintetizzando e semplificando si incontrano ogni venti anni per 12 volte, compiendo un ciclo di circa 240 anni in cui si ultima la ricorrenza degli incontri ventennali in un segno appartenente alla stessa triplicità; e poiché sono 4 le triplicità, 960 anni circa sarà il tempo necessario affinché questo ciclo ricominci da capo, ovvero dalla triplicità di fuoco.

Come riporta Ibn Haldun se la congiunzione avvia un nuovo ciclo di congiunzioni (ciò avviene circa ogni 960 anni) si è difronte ad una Grande Congiunzione; se l’incontro decreta il passaggio di triplicità (ciò avviene circa ogni 240 anni) si è difronte ad una Media Congiunzione; se invece l’incontro è all’interno di una stessa triplicità (circa 20 anni) siamo difronte ad una Piccola Congiunzione.

Ma perché si è scelto di studiare la ricorrenza proprio dell’incontro Giove Saturno? Rivolgendoci alle osservazioni di Teofilo di Edessa egli indica che ogni evento che avviene sul pianeta terra è in relazione ad un Astro del cielo così la guerra, le dispute e i conflitti nel mondo dipendono da Marte; il potere del re, degli imperi, la reggenza, il governo, dipendono da Giove; mentre la sorte avversa da Saturno. Mentre la scelta di inserire la Congiunzione Giove Saturno nell’Ingresso del Sole in Ariete è una scelta naturale già indicata da Tolomeo perché il Sole al grado zero dell’Ariete rappresenta l’inizio dell’anno astrologico in quanto dal grado zero ricomincia un nuovo ciclo solare. Inoltre questo Sole in Ariete rappresenta anche la stagione della primavera dove in effetti c’è il risveglio della vita, dopo una fase di morte (inverno).

Tenendo in considerazione queste indicazioni orientative, la Congiunzione Giove Saturno che convenzionalmente chiamiamo “grande” anche se sarebbe in questo caso più corretto definirla media visto che è coincidente il cambio della triplicità (questo dice Ibn Haldun) avviene durante il Solstizio d’Inverno, al grado zero (circa) dell’Aquario e alle vicinanze di una Eclissi di Sole Totale che se anche non visibile in Italia, è pur sempre un fenomeno da considerare. Quindi è un cambio della triplicità abbastanza impattante e potente, l’energia che questo fenomeno esprime è veramente grande e coincidente a un momento storico delicatissimo. Osserviamo però come questa congiunzione è inserita nell’Ingresso del Sole in Ariete 2020.

 

Notiamo che l’Ascendente dell’ingresso del Sole in Ariete 2020 visto da Roma è in Aquario a 22° nei confini di Giove. L’Ascendente e quindi l’Oroscopo è governato da Saturno. La Congiunzione Giove Saturno avviene proprio al grado 0° dell’Aquario dove Saturno diventa anche timoniere dell’Oroscopo, è all’interno dei suoi stessi confini, inoltre questo incontro avviene al Solstizio d’Inverno e nel domicilio diurno di Saturno quindi Saturno è preminente rispetto a Giove, ovvero più forte. Inoltre la congiunzione di dicembre 2020 Giove Saturno si posiziona nella Casa Dodici dell’Ingresso del Sole in Ariete, una posizione dove Saturno gioisce, rafforza di molto la natura di Saturno. Poiché questa congiunzione cambia la triplicità dei futuri incontri Giove Saturno, ovvero poiché passeremo in una nuova triplicità quella di aria, e poiché l’Ingresso del Sole in Ariete è in un tema notturno, Mercurio assume un ruolo fondamentale: è nell’Ingresso del Sole in Ariete nel segno della sua caduta e del suo esilio, per giunta rafforzato nella sua debilità dalla posizione angolare poiché in Ascendente.

SATURNO si rallegra ed è veramente potente: Mercurio come signore della triplicità di aria notturna esprime caratteri di intensa turbolenza e disarmonia è evidente quindi che la Congiunzione Saturno Giove di dicembre 2020 conferisce l’immagine di forti caratteri saturnini e mercuriali. Ermete Trismegisto, come riportato da Retorio, vede nella collocazione di Saturno in casa dodici la dissoluzione dei patrimoni paterni ma anche una maggiore vulnerabilità nei confronti di eventi di calamità naturale e di malattia in genere. Mercurio che nell’immagine dell’ingresso del Sole in Ariete è in esilio e in caduta, amplifica di molto l’idea di questa energia di forte instabilità, specialmente sul piano naturale. Questo incontro potrebbe indicarci un momento di estrema liberazione di energie naturali che potrebbero indicarci un momento di sincronicità con eventi naturali altrettanto estremi; ma la congiunzione Giove Saturno deve decretare anche sugli eventi dei governi e del potere, e sicuramente è un aspetto che rafforza la cattiva sorte, poiché come visto precedentemente Saturno è la cattiva sorte mentre Giove rappresenta il potere del re e dei governi: e se tra Saturno e Giove prevale Saturno, indica che i governi e i poteri possono essere sovvertiti. E’ una grande congiunzione che decreterà nel tempo la fine di “governi canonici o tradizionali” con sostituzioni importanti nelle istituzioni dei poteri. Mercurio governa il clero, e tale cambiamento può esprimersi anche nei poteri della religione dove assisteremo ad eventi che indicheranno la traccia di cambiamenti importanti proprio nelle istituzioni delle religioni attualmente più seguite nel mondo. Dal punto di vista ambientale, la congiunzione si presenta in territori difficili, il grande potere di questo incontro potrebbe altrettanto coincidere con fenomeni terrestri o climatici di estremo impatto e violenza. L’inizio del nuovo ciclo di triplicità nell’elemento aria non è dei migliori, e si configura in modo oggettivamente preoccupante: nei giudizi dell’Aquario spesso si evoca il concetto della cattiva valutazione, dobbiamo prestare attenzione al nostro grado di responsabilità specialmente in un momento così delicato per il mondo perché Saturno qui invita non alla leggerezza ma ALL’ESTREMO SENSO DI RESPONSABILITA’… Con questo incontro non mi sorprenderebbe vedere prossimamente la fine di certi governi o certe realtà politiche, come non mi sorprenderebbe l’immagine di un mondo che va verso nuove idee di commercio e di economia, come già indicai in altri approfondimenti, sono del parare che stiamo andando verso la fine del sistema economico così come è, basato sul capitalismo e la circolazione della moneta liquida, per in qualche modo indirizzarci verso economie più solidali e responsabili ma anche centrate su una nuova idea di moneta, perché no mettendo al centro la moneta elettronica!

Sul piano naturale l’immagine del Cielo del Sole in Ariete 2020 unita alla congiunzione Saturno-Giove, concomitante una eclissi di sole, nonché al solstizio d’inverno, mi porta a ritenere che la instabilità di Mercurio e la potenza di Saturno possa convogliare verso fenomeni estremi, sia di natura terrestre che climatica in generale: Tolomeo nel Tetrabiblos ci dice che “quando Saturno domina esso è causa di distruzione per via della sua fredda natura, apporta agli uomini malattie di lunga durata, turba gli umori, produce esilio, povertà, screzi, spavento specie per gli anziani, provoca penuria di bestie utili agli uomini, affligge, mentre in aria produce freddo orribile, ghiaccio, torbidità, nebbie, grandi nevicate nocive all’uomo e alle bestie, nei fiumi e mari causa tempeste e naufragi, causa inondazioni dei fiumi e corruzione delle acque, sulla terra produce carestia, carestie che fanno perire per fame e miseria gli uomini. L’indicazione estrema di Tolomeo intende valorizzare la natura altrettanto estrema di Saturno: insomma, finiamola con l’idea che tutto deve essere “buono e bello” per non allarmare le nostre sicurezze individuali ed egoiste, il male esiste in Natura che è anche severa, sprezzante e crudele, e Saturno assurge e rappresenta proprio gli estremi più crudeli della natura. Ma, analizzando le cose con un minimo di razionalità, evidenzio che questo Saturno si presenta in un periodo in cui siamo nella così detta seconda ondata covid, e dove ancora molto si deve fare per superare l’emergenza. L’annuncio dei vaccini è una notizia che ci da speranza e sicuramente sarà quella che ci permetterà di uscire gradualmente da questa emergenza, ma non possiamo nemmeno immaginare che in una manciata di mesi sia possibile vaccinare il mondo intero, ecco che Saturno ci spinge a ritornare con i piedi per terra e ad essere realistici e meno sognatori. Non perché sia sbagliato sognare, ma perché in questo momento sarebbe molto pericoloso allentare la guardia e il grado di responsabilità: inoltre sono già presenti analisi dettagliate di economia globale che prevedono nel 2021 un momento di estrema perdita economica, gli analisti indicano che anche se dovessimo superare l’emergenza covid (cosa dichiarata impossibile dall’OMS in tempi cosi rapidi) dovremmo comunque fare i conti con una depressione senza precedenti, molte attività secondo gli economisti chiuderanno definitivamente nel 2021, e avremo anche da gestire gli enormi debiti che sono stati generati in questo 2020 per far fronte all’emergenza e alla istituzione di sussidi che, scappiatelo, non sono concessi gratuitamente a nessuno. Questa è la severità che ci ricorda Saturno, è il momento della difficoltà, e della carestia, non vedo in questa congiunzione la possibilità di un boom economico in tempi brevi ne di un superamento delle emergenze in corso in una manciata di mesi, procederemo ancora con estreme difficoltà e limiti, in contesti dove possono presentarsi anche nuove emergenze (oltre il covid) tutto questo perché la Congiunzione Giove-Saturno decreta la fine di una mini epoca e l’inizio di una nuova mini epoca, ed ogni epoca che termina e che inizia è sempre rappresentata da grandi momenti di prova, il cambiamento è sempre traumatico: uscire dalle zone di confort non è mai facile per nessuno, tranne per gli asceti che tuttavia non vivono nel nostro mondo ma nel loro!

Sarà sicuramente solo dalla primavera del 2021 che noteremo graduali riprese, esattamente quando Giove farà capolino nei pesci per qualche mese da maggio a luglio, man mano che Giove si distanzierà da Saturno e man mano che si avvicinerà nel segno del suo domicilio notturno, in modo più marcato poi dal 2022, vedremo giorno dopo giorno un graduale miglioramento e probabilmente le emergenze di oggi e quelle in arrivo potranno essere gestite al meglio e indirizzate verso una migliore capacità risolutiva che tuttavia ho difficoltà nell’intravederla in tempi brevi.

Questo ciò che si può dire, in grandi linee e per quanto riguarda i primissimi mesi della congiunzione Giove-Saturno, quindi quanto descritto è in particolare rilevante per il periodo di dicembre 2020, gennaio, febbraio, marzo e aprile 2021. Ma essendo una congiunzione che cambia la triplicità, saranno proprio i primi venti anni (da dicembre 2020 fino a dicembre 2040) a segnare il lento inabissamento del “vecchio mondo” (quello che ci ha rappresentato dal 1800 al 2020) e al lento sollevamento del nuovo mondo che con gradualità emergerà per la generazione attuale ma in particolare per quelle che arriveranno dopo la nostra.

Testo di riferimento consigliato
Astrologia storica link

ASTROLOGIAAstrologia Mondiale: attualità, cronaca, socialeFrancesco Faraoni

Il 2021 alla Luce dell’Astrologia – Barbault e le indicazioni future. Valori e Disvalori. (2° Parte)

Nel libro “André Barbault parla. Piccola antologia” di André Barbault, leggiamo un passaggio importante riferito agli anni in corso:

La congiunzione Giove-Saturno-Plutone (2020 – 2021) si trova in semiquadratura a Nettuno e in quadratura a Urano, essendo questi in semiquadratura tra loro. Congiuntura di un nuovo disordine generale, dall’impronta pestilenziale. Un clima di prove diversificate, non esclusa una nuova pandemia, come pure grandi perturbazioni geofisiche ed ecologiche. Si deve altresì paventare la tensione della semiquadratura Urano-Nettuno: acute crisi sociali e politiche, conseguenza immaginabile di rivolte dei poveri contro lo scandalo di ricchezze vertiginose. Proprio sotto la precedente semiquadratura evolutiva Urano-Nettuno (1846-1849) – accompagnata dalla congiunzione Saturno-Nettuno – apparve la lotta di classe tra capitalismo selvaggio e il miserabile proletariato operaio, oltre all’epidemia rivoluzionaria europea del febbraio 1848, nel clima del nascente Manifesto del partito comunista.

Il lettore capirà e giustificherà il mio pessimismo verso gli anni in arrivo, un pessimismo che è orientato verso una visione del mondo in arrivo ancora destabilizzata e problematica. Insomma mi guardo bene da “facili ottimismi” di speranzosa new-age e di cacofonico risveglio delle coscienze: siamo in un momento epocale, con eventi del cielo veramente potenti.  Da una dimensione terra si passerà ad una dimensione aria, giustamente questa non è definibile GRANDE CONGIUNZIONE ma MEDIA CONGIUNZIONE perché appunto chiude un ciclo di, in questo caso, 219 anni e sarà una congiunzione mutazionale, ovvero che “cambia” la triplicità dei prossimi incontri Giove-Saturno, che avverranno successivamente in segni di Aria Aquario Bilancia Gemelli. Tuttavia è “grande” per la modalità con cui si presenta. Infatti diversi aforismi di autori antichi ci fanno notare che le congiunzioni Giove-Saturno sono potenti e forti, terribili, quando esse si presentano in prossimità di eventi celesti particolari come le eclissi totali oppure di eventi celesti improvvisi come fenomeni cometari. Per ora sappiamo che la congiunzione media Giove-Saturno sarà in prossimità di un evento di Eclissi Totale che non può assolutamente portarci a interpretazioni arbitrarie di facile ottimismo, questo per una responsabilità dottrinale nei confronti di chi cerca, nell’astrologia, una “visione” del mondo che è e che potrebbe essere. Fortunatamente, quindi, il sottoscritto non deve rettificare oroscopi generali passati, avendo chiaramente e in modo esplicito avvertito della gravità dei tempi in corso, e come detto più volte solo nel 2026, quando una serie di aspetti armonici tra i pianeti più lenti si paleserà chiaramente, comincerò a vedere dalle macerie o da quel che otterremo in questi anni difficili, un momento di ricrescita reale, realistica e verso un’età migliore per tutti.

Per ora però dobbiamo vivere gli anni in corso. Barbault fu il primo a segnalarci la criticità di questi anni. La sua tecnica prevede l’utilizzo di pianeti anche generazionali, nonché aspetti considerati minori che, probabilmente, sul piano collettivo hanno un impatto e un valore da tenere in considerazione. Non solo la quadratura Saturno-Urano, ma anche le tensioni di semiquadratura che ci hanno accompagnato specialmente nel 2020, consegnano un mondo fortemente destabilizzato e ancora molto dovrà emergere.

L’incontro Saturno-Urano in quadratura è uno scontro vero e proprio rispetto al ciclo di questa quadratura che ha inizio nel 1988 proprio nel segno del Capricorno. Ora Saturno si configurerà in Aquario e Urano, che è già in Toro, formerà nel 2021 un aspetto di quadratura che ci parla di conflitto e momento di prova rispetto tutto ciò che è stato costruito precedentemente: l‘incontro saturno urano ha a che fare col capitalismo, l’industria, la stabilità della società, la circolazione della moneta, ma è in relazione anche alle risorse del collettivo, materiali. Queste subiranno un momento di crisi, evidentemente.

Linda Wolf dice che gli aspetti dissonanti di Saturno-Urano (specialmente se uno di essi è in segno di terra come in questo caso) possono provocare eruzioni vulcaniche (Linda Wolf, Astrologia, Fabbri editore). Tuttavia Saturno – Urano intendono cambiare, a mio giudizio, anche le forme note, ponendole sotto uno stato di crisi: anche la questione economica specialmente quella capitalista è da tenere in considerazione, lo stesso Barbault su questi aspetti ci dice di monitorare con particolare attenzione gli USA, l’Europa, la Cina e la Russia, insomma pare che in questo momento siano proprio coinvolte le potenze principali del mondo, quelle in cui c’è ricchezza e potenza degli armamenti. Ma per forma deve intendersi anche quella associata all’ambiente e all’ecosistema: Urano è nel segno del Toro domicilio di Venere, e Venere governa la natura con le sue forme armoniche, i pascoli, gli animali, i boschi, è strettamente connessa alla Natura appunto, e Saturno-Urano in quadratura possono rivelarci una Natura che cambia, nella sua forma o nelle sue caratteristiche rispetto a ciò in cui eravamo abituati.

La fine del capitalismo o qualche forma di crisi monetaria o bancaria, ma anche qualche evento importante di natura terrestre e naturale, sono in un certo senso non visioni catastrofiste del sottoscritto interprete, ma indicazioni che emergono dal concerto di questi astri, già evidenziate in tempi non sospetti da André Barbault.

Se intendiamo ricostruire qualcosa, prima “questa cosa” deve venire meno e crollare definitivamente. Costumi, usi, tradizioni, vengono in un certo senso scossi da nuove realtà che emergono con predominanza e che esigono di essere viste, guardate, valutate. Sono specifici i momenti più cruciali in arrivo: dicembre 2020, gennaio 2021, febbraio 2021, maggio 2021, giugno 2021, novembre 2021, dicembre 2021. Questi i momenti di criticità Saturno-Urano da monitorare.

Per quanto riguarda la questione ICP c’è poco da dire, il 2020 e il 2021 sono anni con un bassissimo valore di Indice Ciclico Planetario, un accenno di risalita ma molto piccolo c’è nel 2022 ma solo nel 2025 e meglio nel 2026 ci troveremo in una piena e realistica ciclica ascensionale, di crescita, affermazione e di apertura verso ciò che io definisco “una nuova civiltà”, probabilmente più consapevole o che è arrivata a comprendere definitivamente la necessità di cambiare e abbandonare certi usi o certe politiche o certi costumi non più adatti al nuovo mondo che è.

Questa è una visione ottimistica, ovvero una “possibilità” tra le tante possibili variabili perché gli Astri, infatti, descrivono solamente gli scenari temperamentali, umorali, del collettivo, della natura, degli animali, ovvero i colori e le sfumature con cui possiamo dipingere il mondo che desideriamo o vogliamo, ma poi tali indicazioni devono necessariamente confluire verso una nostra “reale volontà” di azione o di scelta. Da che parte vogliamo stare quindi? Che scelte faremo nel momento della crisi o dell’emergenza? A che valori o disvalori intenderemo appellarci? Di seguito lascio un elenco di concetti su cui puoi riflettere e meditare. Ogni valore ha un suo disvalore in antitesi, questi sono i concetti chiave del 2021 ovvero la qualità delle energie che saranno in gioco sul piano del collettivo, sia nei loro aspetti costruttivi (valori) sia in quelli distruttivi (disvalori).

Prossimamente, comincerò degli approfondimenti su come i 12 segni zodiacali interagiranno con le energie del 2021. A presto.

ALTRI ARTICOLI DI QUESTO AUTORE SUL 2021:
1° Parte2° Parte

VALORE DISVALORE
COOPERARE EGOISMO
CORRETTEZZA DISONESTA’
DISCIPLINA VIOLENZA AUTORITARIA
SENSO DI GIUSTIZIA INGIUSTIZIA
INTEGRARE RIFIUTARE ED EMARGINARE
PACE GUERRA
LEGGE CHE REGOLA ANARCHIA E DISORDINE
COESIONE ISOLARSI
RITROVARSI ALLONTANARSI
AIUTARE IL PROSSIMO INDIFFERENZA
PROTEGGERSI E RIFUGIARSI RITIRO TOTALE DAL MONDO
SACRIFICARE PER IL FUTURO CONSUMARE TUTTO
ASTROLOGIAAstrologia Mondiale: attualità, cronaca, socialeFrancesco Faraoni

IL 2021 alla Luce dell’Astrologia – Introduzione al Cielo del nuovo anno (1° Parte)

Come di mia abitudine, Settembre mi porta sempre a dare uno sguardo più approfondito all’anno che sarà. In questo approfondimento, tratterò l’anno in arrivo osservato attraverso riflessioni sul collettivo, in successivi articoli sarà dato risalto a come questo cielo potrà incidere sui segni zodiacali visti per ascendente e per posizione del Sole e della Luna.

CONGIUNZIONE GIOVE SATURNO

La congiunzione Giove-Saturno in Aquario è molto importante, essa segna la fine del 2020 e il viatico verso il 2021, è inoltre una Media Congiunzione: va a chiudere un ciclo di 219 anni dove gli incontri di congiunzione Giove-Saturno sono stati sempre (fatta eccezione per gli anni 1980 1981) in un segno della triplicità di terra. Il ciclo di oltre 200 anni ha rispettato la simbologia della triplicità di terra, perché ci ha accompagnato in un lungo cammino di industrializzazione, di ricerca e materialità, le società hanno dato un grande valore all’economia e al denaro, alla produzione e al consumo: proprio la prima congiunzione Giove-Saturno di questo ciclo, nel 1801, è avvenuta nel segno di terra della Vergine e coincise in piena rivoluzione industriale; nel mondo si stavano attivando e attuando una serie di cambiamenti sociali che avrebbero, nel tempo, ricondizionato le società umane che sarebbero state in seguito centrate più sulla produzione, sul consumo, sul denaro, sulle speculazioni delle risorse. Questa congiunzione coincise con il precedente ciclo di incontri Giove-Saturno nella triplicità di fuoco.

GRAFICO DEL PRIMO INCONTRO GIOVE-SATURNO
nella triplicità di terra 1801

La congiunzione che avremo a dicembre 2020 è particolare perché “chiude” questo ciclo di 219 anni. Non avremo più incontri di congiunzione Giove-Saturno nella triplicità di terra, ma una serie di incontri per oltre due secoli nella triplicità dei segni di aria. Questo inizio avrà luogo nella modalità Aquario, l’analisi di questa energia può offrirci qualche spunto di riflessione e qualche indicazione su cosa questo nuovo ciclo intenderà offrirci nei prossimi secoli.

Nella triplicità di aria incontriamo i segni Gemelli Bilancia Aquario che hanno temperamento caldo e umido, sono segni maschili, diurni, paregemonici, sanguigni, di sapore dolce. Secondo Retorio, Aegyptia excerpta ex Teucro Babylonio de duodecim signis (CCAG VII pagine 209-28), il segno Aquario è nella disposizione della Nascita del Mondo seguente l’angolo del tramonto, quindi è luogo che insegna sulla morte. È il più freddo dell’anno, infatti risulta opposto all’estremo caldo del Leone, Macrobio lo considera il più lontano dal temperamento umano e per questo è considerato luogo di purgazione. Retorio definisce questo segno nekrodes ovvero simile ad un morto e akneron ovvero timido, riservato, ritirato. L’Aquario è visto anche da Albumasar come segno della modestia degli uomini, Vettio Valente lo ritiene un segno che può portare affanno, lotta, doveri, lavori aspri. A proposito di Media Congiunzione, Giuseppe Bezza nel testo Le Dimore Celesti scrive: Non è inoltre estraneo (l’aquario) agli Ebrei, che hanno Saturno come pianeta significante la loro fede… benché non vi sia un segno che abbia a sua tutela Israele (dice Abrahm Bar Hiyya) la media congiunzione che significò il regno d’Israele fu il congresso di Saturno e Giove in Aquario, nell’anno 2365 dalla creazione del mondo.

L’Aquario è il domicilio diurno di Saturno ed esilio del Sole.

INCONTRO GIOVE SATURNO
in aquario a dicembre 2020
visto da Roma

Da Roma la Congiunzione Mutazionale Giove Saturno è in Casa VII, la figura ha come timoniere dell’oroscopo la Luna in Pesci in IX casa e comunicante per sestile a Giove-Saturno. Saturno governa la VII e la VIII casa. Giove la VI e la IX casa. La Luna che governa il timoniere è nei Pesci, segno disposto da Giove, in una casa governata da Giove, i luminari sono in aspetto di quadratura.

Il concerto di energie coinvolte è notevolmente importante: la media congiunzione Giove Saturno in Aquario aprirà un ciclo di oltre 200 anni di incontri Giove Saturno nella triplicità di aria, il mondo che si preparerà sarà un mondo diverso da quello avuto precedentemente, un mondo che purgherà sé stesso da certe metodologie e modi di operare troppo centrati sulla terrestrità e la materialità, per far questo qualcosa dovrà morire, definitivamente concludersi. L’economia potrà dunque aprirsi a nuovi scenari e a nuove politiche inedite, la morte che è inscritta nell’Aquario intende rappresentare un profondo cambiamento dei nostri costumi e delle nostre certezze, lo scontro ideologico tra fazioni diverse, finalizzato a riscattare le società in nuove idee di mondo e di fratellanza, saranno il diluvio universale del nuovo mondo che sarà, la media congiunzione Giove Saturno in Aquario che si presenterà anche vicino ad una eclissi totale di Sole preannuncia un grande cambiamento economico, politico, umano e sociale, dove non si intravedono imminenti e rapide riprese, ma piuttosto un ulteriore inasprimento delle condizioni di precarietà collettiva, gli animi esasperati sono obbligati a rendersi conto di una “realtà” che non può più rispondere alle esigenze dell’umanità: l’uomo deve rendersi conto dello sfruttamento perpetuato nei confronti della terra, dei danni arrecati all’ecosistema e all’ambiente, dei danni che un’economia centrata sul consumo e sulla produzione ha causato nelle frange più deboli portando disuguaglianze sociali, prevaricazioni: il 2021 è un anno con un valore di ICP più basso di quello del 2020, possono ancora emergere situazioni destabilizzanti fondamenta già logore, e quando qualcosa muore e crolla, la coscienza dell’uomo sarà obbligata a ricostruire se intenderà realmente rialzarsi. Poiché l’Aquario è energia che purga, il 2021 ma anche la nuova ciclica Giove-Saturno (congiunzione media e mutazionale) apre proprio questo processo di distillazione e purificazione necessari.

Nell’Aquario l’aria è quella della tempesta: non si esclude che la media congiunzione, nella sua formazione e successiva separazione, possa coincidere con fenomeni climatici intensi e inediti in certi luoghi del mondo, anche come segnale di un ambiente che sta cambiando, di una terra che presenta nuovi scenari, in cui l’uomo – creatura della terra – dovrà adattarsi e prenderne atto. Ricordo che l’Aquario è un domicilio di Saturno, pianeta malefico. La media congiunzione non ha dunque inizio nei Gemelli, domicilio di Mercurio, né nella Bilancia, domicilio di Venere, ma specificatamente nel domicilio di Saturno! Inoltre la congiunzione Giove-Saturno in certe condizioni può essere problematica: quando gli astri di Giove di Saturno sono insieme, sono simiglianti a due compagni, che nondimeno sono tra loro affatto diversi e ciascuno di loro aspira a danneggiare l’altro e a mandarlo in rovina. Abû Ma’sar, Libri mysteriorum

SATURNO – URANO – GIOVE

Saturno e Giove formeranno aspetti di quadratura a Urano. In particolare l’aspetto Saturno – Urano intende rappresentare la distruzione di ciò che è stato istituito e costruito durante i precedenti transiti armonici di Saturno – Urano. La compresenza di Giove amplifica questa energia e la indirizza verso valori umani e collettivi, economici, lavorativi e di benessere sociale. Il sottoscritto, dunque, non può che evidenziare – come anche feci per le indicazioni del 2020 – un anno che continua ad essere difficile e problematico, con un possibile accenno di ripresa reale all’ingresso di Giove in Pesci, nel suo domicilio, da fine 2021, momento in cui ci avvicineremo anche a cambiamenti importanti, negli anni successivi, di Plutone e Nettuno. Ci troviamo “ai confini” di certi transiti (lenti) e ad aspetti epocali sul piano Astrologico che non possono sottostimare l’interpretazione con facili ottimismi: inoltre il segno Aquario è indebitamente considerato “positivo” quando la tradizione ci insegna che la sua energia è prima di tutto di purgazione, ovvero intende “purificare” “distillare” ciò che è torbido e sporco, ciò che è fetido e inquinato, il segno è giustamente connesso anche al concetto di morte e quindi di conseguente rinascita, l’attribuzione moderna al domicilio di Urano ha reso l’Aquario un’energia “solo idealista” e orientata al cielo stellato, quando invece prima di questa visione celestiale, l’aquario è obbligato ad attraversare un lungo processo di depurazione dalle scorie: solo in questo modo si renderà visibile all’Aquario il cielo stellato.

IL 2021 PER L’ITALIA

Il nuovo anno può essere osservato anche attraverso l’ingresso del Sole in Ariete al grado zero, che segna quindi l’inizio di un nuovo ciclo solare. Per l’Italia questo ingresso coincide con il seguente grafico, domificato per Roma, capitale d’Italia.

La figura di questo grafico è retta da Mercurio perché governa l’Ascendente e si posiziona nella casa della culminazione superiore, vicino alla cuspide del Medio Cielo. Questo aumenta i valori già difficili di Mercurio, giacché in Pesci ovvero nel suo esilio e nella sua caduta. Inoltre è in aspetto di quadratura a Marte nei Gemelli, posizionato nella casa di gioia di Saturno; Mercurio governa la casa Uno e la casa Dieci. Il segno di Mercurio è disposto da Giove in Aquario e in Casa Nove.

Il governatore qui assume una prima istanza negativa ma il dispositore del segno è benevolo e attutisce i suoi lati più difficili: così da una parte il timoniere di questo grafico esprime follia, alienazione, eccessi ideologici, confusione e torbidità, ricordo che l’Acqua dei Pesci è considerata fetida (vedi Al Biruni) e quindi la posizione di Mercurio in Pesci non può che essere esiliata e cadente, ovvero i valori normali del pianeta – ragionamento, comunicazione, buon commercio, dialettica – sono alterati nella confusione e nell’alterazione del discernimento e della capacità valutativa. Per l’Italia questa carta continua a dare un’immagine poco convincente di stabilita e ripresa imminenti, almeno per i primi sei mesi del nuovo anno quando possono esprimersi anche duri momenti dialettici nel collettivo e nell’opinione pubblica, o situazioni molto difficili sul piano del potere collettivo (Governo, ed istituzioni in genere dello Stato). Ma dalla seconda parte dell’anno, Giove come dispositore del Segno potrebbe attutire e mitigare: è nel segno Aquario domicilio di Saturno, quindi è un mitigare mediocre ma che tuttavia spinge a una ripresa o ad un leggero miglioramento graduale. Marte però giace in casa XII insieme anche alla Luna, ancora debolezze e fragilità nell’opinione pubblica sono da mettersi in conto, come anche possibili inasprimenti delle condizioni o nella percezione delle libertà individuali: Marte governa la casa Sei e Saturno la casa Otto, non siamo ancora “liberi” da situazioni di emergenza e di difficoltà!

L’aspetto di quadratura tra Mercurio (timoniere dell’oroscopo) e Marte, una quadratura dove Mercurio è sovreminente, evoca concetti legati a: inganni, scandali, cose che turbano, cose nascoste che emergono, poiché i segni coinvolti sono disposti da Giove-Mercurio questo aspetto potrebbe anche essere una importante indicazione per il nostro territorio di eventi molto aspri e difficili nel settore della Giustizia ma anche dell’ordine pubblico, di fronte situazioni idealizzate, astratte, confuse, turbate, possono insorgere scandali o momenti di severità nella magistratura, ma anche situazioni difficili, ambigue nell’opinione pubblica, ovvero ideologie alienate, astratte, che richiedono una sorta di repressione o gestione da parte dell’autorità.

Inoltre questo aspetto è indicativo anche per la Chiesa Cattolica avendo essa sede proprio in Italia: Mercurio rappresenta anche il “corpo clericale” e in aspetto a Marte, poiché coinvolta la casa XII, è indicazione di possibile scisma, o fratture interne, o momenti molto delicati nelle faccende della Chiesa. Mercurio è disposto da Giove in IX: può anche indicarci un evento veramente importante legato al Ministero del Vicario di Cristo (Il Papa), evento la cui qualità non può che essere negativa essendo Mercurio nel segno della sua caduta e del suo esilio (la fine di un papato… o qualche situazione aspra tra papato e governo della chiesa, o un momento di crisi del papato in generale, per qualche evento specifico).

Indicativamente il primo passaggio di Giove in Pesci, dalla seconda metà dell’anno, dovrebbe corrispondere a un graduale miglioramento della situazione collettiva e generale, che sarà a mio giudizio più concreta e più realistica solo a fine 2021 e poi definitivamente confermata, con una ripresa più intensa, nel 2022.

Quando Marte e Mercurio si configurano in modo disarmonico, tale incontro secondo il Tetrabiblos rende distruttori, fatui, mutevoli d’opinione e specialmente di moti disordinati. Poiché l’osservazione del grafico riguarda la collettività, l’aspetto sottolinea anche possibili moti disordinati della società, probabile dunque moti di ribellione o manifestazioni contrarie al potere centrale giacché Mercurio si configura in luogo dieci.

Mercurio, sempre secondo Tetrabiblos, è causa di cambiamenti subitanei ovvero improvvisi e imprevisti, poiché è nel segno di caduta ed esilio, possono esserci improvvisi cambiamenti della condizione sociale, visto l’Ascendente essere in segno umano, riguardare specificatamente le persone e l’opinione pubblica in genere (cambio di istituzione, di governo, di potere, cambio di realtà sociali improvvise).

Quando Mercurio è dominatore, come in questo caso “gli effetti in generale risulteranno turbolenti… causa mutamenti nelle cerimonie, nelle religioni, negli ordinamenti, nelle leggi, produce venti che cambiano repentinamente… tuoni, fulmini, spaccature nella terra e terremoti, lampi, la morte degli animali e delle piante, se occidentale diminuisce la portata dei fiumi se orientale la aumenta”.

Anche se il Sole risulterà in quadratura all’Ascendente, la sua vicinanza a Venere promette comunque una seconda parte dell’anno di ripresa e di maggiori possibilità, anche perché la vicinanza di Venere è in un segno della sua esaltazione.

FINE 1° PARTE

ALTRI ARTICOLI DI QUESTO AUTORE SUL 2021:
1° Parte2° Parte

 

BIBLIOGRAFIA
Le dimore celesti, Giuseppe Bezza
L’Arte dell’astrologia, Al biruni
Tetrabiblos, Claudio Tolomeo
Astrologia mondiale, André Barbault
Fonti Retorio www.cieloeterra.it 

ASTROLOGIAAstrologia Mondiale: attualità, cronaca, socialeFrancesco Faraoni

La Rivoluzione Epica Solare degli USA 2020-2021

Gli anni 2020, 2021 e 2022 sono Anni Epici per gli USA, come indicai nell’approfondimento che curai per il blog di notizie Lettera43 a Marzo 2019, in cui spiegai che questi anni ci porteranno a volgere lo sguardo con particolare interesse (e preoccupazione) verso gli USA. Il motivo della mia affermazione non era per sensazione, ma riguardava in modo particolare la Carta di Nascita che considero per gli USA che è quella riferita alla Nascita e alla Istituzione della Costituzione Americana, che vi riporto nel grafico che segue. Osserviamo in particolare la posizione di Plutone e il suo grado. Plutone è a 27° in Capricorno e dal 2020 l’orbita di Plutone di transito, in Capricorno, è diventata “molto stretta” nei confronti del Plutone di nascita della Carta degli USA, un’orbita in via di perfezionamento, che sarà perfetta (partile) nei prossimi anni, con diversi incontri proprio al grado 27° del Capricorno. Perché considero questa congiunzione Epica? Semplice, perché il ritorno di Plutone su Plutone è qualcosa di mai trattato e affrontato dalla letteratura astrologica a partire ovviamente dalla scoperta di questo corpo celeste. Era il 1930, e nessuno ha mai riflettuto su che tipo di significato può avere un Plutone che ritorna su Plutone anche perché è un evento che non può riguardare una persona ma semmai solo un oggetto, una carta evento, una nazione(1). Vediamo la carta degli USA:

Sarà molto importante monitorare questo Plutone radix a 27° in Capricorno perché comincia ad essere sollecitato dal 2020 in modo pungente e determinante, e sta infatti coincidendo con moti di ribellione storici, un malessere collettivo emerge tra le persone, la tematica del razzismo appunto, oltre il caso Pandemia dove l’America risulta ad oggi lo Stato più colpito al mondo per casi di coronavirus, il che dimostra una loro profonda vulnerabilità e suscettibilità. I momenti più intensi sono quelli relativi al perfezionamento della congiunzione di partile tra Plutone di transito e Plutone radix: marzo, aprile, maggio, giugno 2021; e gennaio, febbraio, marzo 2022; luglio, agosto, settembre, ottobre, novembre, dicembre 2022 gennaio 2023; questi sono i momenti epici di Plutone negli USA che suggeriscono l’idea di cambiamenti epocali che, in quanto tali, saranno graduali e lenti, ma molto intensi, destrutturanti. Cambiamenti della natura di Plutone sia in ambito politico-economico, sia in ambito sociale, sia per quanto riguarda questioni energetiche, climatiche e terrestri, veramente qualcosa che sarà ricordato nei libri di storia e studiato dalle generazioni future.

 

LA RIVOLUZIONE SOLARE 2020-2021

Per ora però soffermiamoci sulla rivoluzione solare che compre lo spazio temperale che va da luglio 2020 a luglio 2021. Osserviamo il grafico di rivoluzione, dopo di che una breve indicazione di quanto emerge da essa.

Essendo una rivoluzione solare fatta ad una “entità”, ovvero ad una Nazione, mi soffermo solo sull’ascendente. L’Ascendente di rivoluzione si posiziona nella Casa XII radix, per giunta vicino alla cuspide della Casa XII quindi l’immagine è di un anno di rivoluzione veramente difficile per gli USA, problematico e complesso. La casa XII è considerata malefica dalla tradizione, è la sede in cui Saturno gioisce, ovvero dove si esprimono i caratteri di saturno (eccessiva freddezza ed eccessiva secchezza) e dove Saturno si rallegra di questo. A livello interpretativo, questa energia temperamentale congela, raffredda eccessivamente, anche perché questo Ascendente di rivoluzione si presenta in una carta di nascita il cui Sole Radix è in Cancro e l’eccesso di freddo/secco è amplificato da una natura-cancerina, segno lunare fortemente umido. Tradotto in possibili eventi, c’è intanto da dire che sarà un anno difficile e complicato sul piano economico ma anche sociale; l’ascendente di rivoluzione ha per dispositore Marte che si posiziona in IV casa, un Marte veramente forte e difficile per il “benessere collettivo” per la stabilità della nazione, insomma può inasprire le già note situazioni in corso negli USA e non depone a favore per l’idea di una prossima ripresa per l’America, anzi le cose pare che in USA peggioreranno durante questa rivoluzione. L’anno di rivoluzione inizia veramente male per gli USA, e il dispositore dell’Ascendente di Rivoluzione non promette nulla di buono, posizionandosi in IV proprio sulla cuspide evidenzia anche la possibilità di energie violente nella Natura ma anche negli Animi delle persone. Non ritengo che l’emergenza attuale del Coronavirus e della questione Razzismo si risolva in tempi brevi, anzi probabilmente sono i temi su cui si sta preparando qualcosa ancora di più esplosivo e che ancora deve emergere e che con chiarezza potrebbe sollevarsi durante la rivoluzione 2020-2021.

 

NOTE
(1) Qualcuno potrebbe obiettare su Plutone dicendo che poiché la carta di nascita considerata per gli USA è precedente la scoperta di Plutone, il corpo andrebbe omesso. Non sono ovviamente d’accordo, André Barbault ha dimostrato in modo inoppugnabile (ovvero dati alla mano non per sensazioni) che i cicli di Plutone si sono fatti sentire anche senza avere consapevolezza del pianeta, e questo risponde ad alcuni assiomi e concetti complessi, che prevedono l’idea dell’influenza di corpi anche non necessariamente visibili, perché la radiazione luminescente non è composta solo da “ciò che vediamo” ma anche da uno spettro inviabile ai nostri occhi. Ma a parte questo, personalmente lo considero rilevante e importante. 

ASTROLOGIAFrancesco FaraoniUncategorized

Abhigya Anand: l’astrologo più giovane al mondo ha predetto il coronavirus

Lui è Abhigya Anand, il più giovane astrologo del mondo, che con un video di 20 minuti (che vedete a inizio di questo articolo) ha raggiunto oltre 6 milioni di visualizzazioni, semplicemente annunciando un momento severo per il mondo da novembre 2019 ad aprile 2020, annunciando letteralmente l’arrivo di una pandemia virale. Il giovane astrologo vedico nel video dice che l’umanità non sentirà buone notizie fino a fine giugno 2020.

Purtroppo le predizioni astrologiche non terminano qui. Un altro momento difficile per l’umanità è, secondo l’astrologo, imminente e riguarda dicembre 2020, un evento di portata globale coinvolgerà il mondo fino a marzo 2021, riportandoci scenari di estrema difficoltà.

Ciò che Anand interpreta sono i severi transiti che ci caratterizzano nel 2020 e negli anni a venire, lui lo fa in ottica vedica, noi li osserviamo in modo occidentale: per esempio la grande congiunzione mutazionale di fine 2020 è qualcosa che parla di un grande cambiamento in arrivo, dove il virus emerso a inizio 2020 è solo un prodromo. I valori di ICP (indice ciclico planetario) sono chiari: 2020, 2021, 2022 sono anni difficili, solo il 2023 con l’ingresso di Plutone in Aquario cominceremo a risalire verso una nuova ciclica ascensionale.

Negli approfondimenti successivi, l’astrologo Abhigya ha affermato che il 31 maggio è il momento in cui questa pandemia sarà in un certo senso sotto controllo ma non segnerà come data la fine della pandemia, andrà avanti l’emergenza che sarà però più sotto controllo e dobbiamo dunque prepararci a convivere con questa nuova realtà. Dobbiamo inoltre essere molto attenti agli eventi che avverranno a fine 2020, quando a Dicembre qualcosa di nuovo emergerà in modo pernicioso in tutto il mondo, e che ci proietterà nuovamente fino a Marzo 2021 in periodi di riflessione necessaria sul senso della nostra umanità e del nostro progresso.

L’evento di fine 2020 (che personalmente ritengo possa essere associato alla congiunzione Giove-Saturno mutazionale) risulterà più grave del coronavirus e potrebbe gettare il mondo nel caos, un evento probabilmente di natura geologica/atmosferica/terrestre – almeno questo dichiara l’astrologo vedico.

L’astrologo ammonisce l’umanità: gli eventi che stanno avvenendo sono legati specificatamente alla Natura che vuole dirci qualcosa di specifico. Il giovane astrologo ritiene che dobbiamo fermare la nostra ira e la nostra rabbia, dobbiamo cambiare alimentazione, smetterla di mangiare animali e di uccidere, dobbiamo relazionarci con il nostro Karma, in questa sua ammissione mi viene in mente una celebre citazione di Gandhi:

La grandezza di una nazione
e il suo progresso morale
si possono giudicare dal modo
in cui tratta gli animali.

ASTROLOGIAFrancesco FaraoniUncategorized

La pena di morte in Nigeria ai tempi del coronavirus si applica via Zoom.

In questi mesi di pandemia, Zoom è diventato un “nome” noto negli internauti, utilizzato in particolare per organizzare meeting virtuali, sia per scopi ludici sia per scopi professionali. La pena di morte in Nigeria non si è fermata nemmeno davanti all’epidemia: è in assoluto la prima condanna a morte pronunciata tramite un servizio online, deputato ai webinar. L’applicazione della condanna per impiccagione ha riguardato un uomo di nome O. H. responsabile secondo la corte dell’omicidio di una anziana donna, madre del suo capo. Il giudice Mojisola Dada ha dichiarato il verdetto di morte tramite collegamento online, sulla piattaforma Zoom, è la prima sentenza di morte online.

Questa corte ti condanna ad essere impiccato
fino a che non sopravvenga la morte.
E che Dio possa avere
pietà della tua anima.

Le associazioni in difesa dei diritti dell’uomo, come Human Right Watch e Amnesty International, hanno protestato verso questa assurda condanna… da tempo le associazioni umanitarie cercano di convincere la Nigeria ad abolire la pena di morte, ma senza risultati. In Nigeria sono oltre 3.500 i casi di coronavirus, i morti oltre mille; nonostante il momento di emergenza, le condanne a morte non si fermano: sono quasi 3 mila le persone nel braccio della morte che aspettano dalle corti nigeriane una sentenza.

 

La carta della nazione

 

La Nigeria è rappresentata attualmente da questa carta di nascita nazionale, che corrisponde alla data e all’orario della Dichiarazione di Indipendenza; la Nigeria è da sempre stata soggetta alla rivalità e agli accordi dei tre maggiori gruppi etnici: quelli di origine islamica, quelli più legati alle tradizioni yoruba e quelli di prevalenza cristiana. Questi tre gruppi etnici hanno da sempre, nelle loro rivalità, causato guerre civili in Nigeria, e profondi problemi di ordine sociale. Si uniscono pesanti eredità che rendono la Nigeria un popolo ricco di tradizioni e potenziale, ma da sempre asfissiato da lotte interne e di difficile sradicamento. Osserviamo infatti una carta di Dichiarazione di Indipendenza che rappresenta bene l’eredità pesante di questo stato: il Sole – punto fondamentale di una carta astrologica – si posiziona nella parte più bassa del grafico, abbastanza vicino alla cuspide della Casa Celeste Quattro, chiamata Fondo Cielo.

 

L’Aforisma 38 sezione III di Cardano
ci ricorda che 𝗜𝗟 𝗦𝗢𝗟𝗘 𝗲̀
𝗮𝘀𝘀𝗶𝗺𝗶𝗹𝗮𝗯𝗶𝗹𝗲 𝗮𝗹𝗹’𝗔𝘀𝗰𝗲𝗻𝗱𝗲𝗻𝘁𝗲.

Il Sole della Nigeria è nel primo decano governato dalla Luna; l’Ascendente è in Cancro nei primi 10 gradi (a 1°03′) decano retto da Venere. Il segno dell’Ascendente è governato dalla Luna e il segno del Sole dalla Venere. Questa forte componente Bilancia-Cancro si presenta all’interno di una genitura notturna, dove è forte il valore lunare e dove il Sole posizionandosi così in basso nel grafico evoca, simbolicamente, un forte legame al passato e una forte dipendenza alle tradizioni e a tutto ciò che si è ereditato. Non a caso nonostante la Dichiarazione di Indipendenza, la situazione politica e sociale della Nigeria risulta ancora oggi molto condizionata dal suo passato e dalla sua storia, risulta essere l’area dell’Africa più soggetta a rivolte civili e a conflitti di difficile dipanamento. La forte concentrazione di pianeti nella parte bassa del grafico rende difficile la capacità di autonomia e amplifica invece il condizionamento col passato che tradotto per una nazione significa grande difficoltà a riscattarsi dai condizionamenti ereditati, di ordine sociale, storico, politico, economico ed etnico. Sei anni dopo la dichiarazione di indipendenza, il 15 gennaio 1966, la Nigeria ha dovuto affrontare una delle più cruente guerre civili, chiamata guerra del Biafra, una devastazione totale dovuta anche all’estrazione senza controllo di petrolio, nonché causata da sfortunate politiche clepto-cratiche che hanno distrutto il patrimonio dello stato; i problemi in Nigeria sono legati anche alla tratta di esseri umani a fini sessuali, inoltre il rafforzamento dei gruppi estremisti di natura islamica (Boko Haram) ha contribuito all’aumento delle violenze, amplificando la già fragile coesione sociale del territorio.

 

Una eclissi solare a giugno 2020
simbolicamente causerà oscurità
nell’asse Ascendente-Discendente
aprendo uno scenario di importanti
eventi in arrivo in Nigeria specialmente
durante il 2021-22 per opera di Urano-Saturno.

 

A giugno 2020 una eclissi al grado zero del Cancro, grado solstiziale, assumerà una simbologia molto particolare per la carta della nazione: l’oscurità che simbolicamente attiverà l’asse Ascendente-Discendente aprirà un ciclo decisivo per la Nigeria, che arriverà a effetto significativo quando Urano in Toro e Saturno in Aquario toccheranno il grado della Luna della Carta Nazionale: luglio agosto 2021, gennaio febbraio 2022, maggio 2022. Questo spazio temporale sarà molto importante per la Nigeria, per le sue sorti politiche, sociali, economiche, un momento decisivo per un riscatto o per un ulteriore momento di fragilità, che in caso andrà a simboleggiare una profonda necessità di superare l’eredità storica troppo soffocante e troppo incombente. Un obbligo a cambiare decisamente rotta.