Attualità: costume, società, culturaIl ri-cordo: tra freno ed espansione | Rossana Strika

Rossana Strika Rossana StrikaLuglio 30, 202032717 min
557199314_1280x720[1]

C’è un momento nel corso delle esperienze della nostra vita in cui si arriva alla fine di un certo percorso. Da quel momento in poi abbiamo la percezione che nulla sarà più come prima. Ed è una percezione reale perché ogni cosa ha un inizio ed una fine, così come la vita stessa. Al nostro ultimo respiro sarà finita questa incarnazione e continueremo a vivere altre esperienze di diversa energia e livello. In realtà noi viviamo un continuum di esperienze.

Come si arriva ai nostri capolinea, alle varie nascite e decessi che viviamo di continuo?

Di solito ci troviamo di fronte a scelte, continui bivi costellano le nostre giornate, continuamente apriamo e chiudiamo esperienze, eppure certe chiusure aprono a cambiamenti di vita irreversibili quanto necessari alla nostra evoluzione.

Ieri sera, durante la diretta Facebook sul cielo di agosto con la mia amica Irene Zanier, mi si sono smosse alcune riflessioni e la mia mente mercurial-uraniana si è messa in moto.

In questo periodo Mercurio si trova nel segno del Cancro ed il collegamento al mondo dei ricordi è naturale, così come a breve anche Venere entrerà in Cancro ed ancora emergerà questa tematica.

I ri-cordi ri-connettono ad una memoria emozionale, a volte affiorano inaspettati e non sempre gradevole. Tuttavia la tematica è di delicata trattazione.

I ri-cordi ci ri-traghettano in un’esperienza terminata e quindi potremmo avere l’illusione di rivivere ancora tale esperienza mentre ciò che emerge è solamente la carica emozionale. Più l’esperienza è stata disagevole, più la memoria emotiva ci arrecherà disagio anche a distanza di anni, se non abbiamo estrapolato il senso di quel vissuto.

Ovvero se ancora non è intervenuta la sapienza di Giove, attraverso cui guadagnare una prospettiva più ampia, donando un senso utile al nostro vissuto e trasformandolo in una possibilità di tesaurizzare nuove risorse.

Tuttavia per fare ciò è necessario lavorare su di sé, espandere la consapevolezza e voler vedere di noi anche le parti che amiamo di meno, altrimenti spesse volte la chiusura viene liquidata con una superficiale attribuzione di responsabilità ad altre persone.

E allora Saturno proprio non ci sta

Il ri-cordo si fossilizza allora nella mente della persona. Saturno riveste la funzione di congelatore dei ri-cordi, come pianeta che governa il Capricorno, segno opposto al Cancro, tradizionalmente associato alla memoria emotiva. Eccoci allora, ancora congelati in ricordi e nostalgie, in uno stato di perenne malinconia e tristezza; ci sono molte persone che vivono questo tipo di sospensioni emozionali, vivendo ancora in un passato che non esiste più.

Saturno trattiene in un fermo immagine, cristallizza i ri-cordi dolorosi proprio perché noi finalmente possiamo attivare l’intervento di Giove e trovare un senso, sulla base di una matura compartecipazione di responsabilità nell’accaduto. A quel punto i ri-cordi mutano forma, perdendo la loro carica emotiva. Ma può trattarsi anche di ri-cordi piacevoli attraverso i quali stiamo sempre vivendo in un non-Tempo.

Si tratta del confronto tra Kronos e Kairos, con l’inevitabile intervento di Nettuno

Vivendo in un non Tempo e per meglio dire in un Tempo illusorio, nutrito dall’idealizzazione del ri-cordo, non ci si rende a volte conto di come non si stiano cogliendo dei frutti maturi nel qui ed ora, per espandere le proprie esperienze. C’è un’inconscia paura di andare avanti ed un attaccamento illusorio a qualcosa che non c’è più.

Se il ri-cordo è felice è a volte ancor più difficile staccarsene, se è doloroso si tende a distorcerne la memoria, idealizzando delle possibilità che concretamente non ci sono state.

Saturno ci porta a soffermarci con lucidità sulle nostre memorie e, attraverso la gioviana acquisizione di senso, ci aiuta a prendere coscienza dell’insegnamento che abbiamo tratto dall’esperienza.

Allora possiamo anche permetterci di cogliere le meravigliose opportunità che la vita ci dona in continuazione, all’interno delle opportune parentesi temporali, ciò che chiamiamo Kairos, l’occasione spesso inaspettata che Urano ci offre sul piatto d’argento.

Può essere una occasione così preziosa, un lavoro, un nuovo Amore, può essere qualcosa che ci stravolge la vita in positivo e noi non sempre la vediamo e la cogliamo al giusto e sbocciante momento.

Urano ci porta qualcosa di nuovo mentre noi siamo ancora congelati in antiche elaborazioni ed elucubrazioni mentali, alle prese con Kronos che ci spinge ad introiettare l’insegnamento dalle esperienze finite. Che allievi indisciplinati e candidati a studiare nuovamente le stesse pagine.

Come sappiamo, ogni fine contiene già il seme del nuovo inizio, ma alcuni ri-cordi vengono inconsciamente utilizzati come freno al posto che come espansione della consapevolezza.

Sembra che non vogliamo separarci da quella parte di noi che muore insieme al completamento di una certa esperienza e così prolunghiamo un senso di lutto interiore.

Io, ad esempio, non amo farmi fotografare e tutte le volte che mi sono soffermata a guardare delle vecchie foto, di ri-cordi anche piacevoli, alla fine mi rattristo. Ogni foto mi riporta ad una persona che ormai non sono più, ogni fermo immagine rappresenta un momento, un’emozione ed io desidero fortemente procedere in avanti. Consapevolmente e con Gratitudine. Perché sento di poter ora aprirmi ad una fase della vita ricca, bella, consapevole, in un Kairos di opportunità che ora posso cogliere.

Siamo il prodotto di tutti i nostri ieri, eppure possiamo vivere ogni giorno come se non ci fosse un ieri. Per costruire un miglior domani, in cui moriremo ad oggi. Ogni giorno rappresenta vita e morte assieme, in ogni procedere mutiamo pelle al pari di un camaleonte perché al nostro interno muoiamo ogni giorno a ciò che siamo stati.

Ciò non significa rinnegare i ri-cordi, anzi significa dar loro la giusta dignità di esistere senza per questo utilizzarli come alibi delle nostre paure.

In realtà nulla dimentichiamo della nostra esistenza, ma ci sono alcuni passaggi di decesso di esperienza che ci congelano nel dolore. Da lì bisogna riemergere a nuova vita, portando a consapevolezza cosa ha rappresentato per noi quella fine e cosa vogliamo farne di quella esperienza.

Non si intende ovviamente il non voler ricordare, relegando l’esperienza nel rimosso e candidandosi a ripetere la stessa esperienza energetica in fotocopia. Ma un momento di pacific-azione con la fine dell’esperienza che consente di andare verso il nuovo che ci attende, senza remore, forse con qualche piccola insicurezza che è utile per esplorare i nuovi mondi nei quali ci immergiamo.

Con la costante compagnia della presenza, qui e adesso.

Come se non ci fosse un ieri, direzionati in ogni oggi, sintonizzati con Kairos.

“Non c’è niente come tornare in un luogo che non è cambiato per rendersi conto di quanto sei cambiato”

Nelson Mandela

Ross

Rossana Strika

Rossana Strika

Studiosa e ricercatrice in ambito astrologico delle connessioni che si creano con i vissuti familiari delle persone, a partire da un'intensa esperienza personale vissuta in questo campo. Rintraccia nel tema natale le tematiche astrogenealogiche di maggior impatto sulla psiche, accompagnandone la trasformazione ed il processo in direzione della libertà individuale. Astrologa moderna, segue l'impostazione umanistico psicologica evolutiva di Liz Greene e Stephen Arroyo . Docente della tecnica astrogenealogica attraverso collaborazioni con Scuole o corsi attivati personalmente. Scrittrice del libro "Astrogenealogia - Un metodo d'indagine delle dinamiche di famiglia" edito da Centoparole Edizioni nel 2019.

I contenuti presenti sul sito "Thesunastrology.it" dei quali sono proprietari gli autori, non possono essere copiati, riprodotti o ripubblicati su altri siti o blog senza autorizzazione dell’autore stesso. È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi forma o mezzo. È vietata la pubblicazione e redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dell’autore. Ogni violazione sarà perseguita secondo norma di legge. Per richieste di informazioni prego contattare l'email
redazione-blog@thesunastrology.it

CC

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Related Posts

THE SUN ASTROLOGY

Blog Magazine ad aggiornamento non periodico frutto delle passioni e delle competenze dei singoli autori, diretti proprietari e responsabili dei contenuti proposti. Gli articoli pubblicati sono approfondimenti di libera consultazione.
______________________________________________
I contenuti presenti sul sito "Thesunastrology.it" dei quali sono proprietari gli autori, non possono essere copiati, riprodotti o ripubblicati su altri siti o blog senza autorizzazione dell’autore stesso. È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi forma o mezzo. È vietata la pubblicazione e redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dell’autore. Ogni violazione sarà perseguita secondo norma di legge. Per richieste di informazioni prego contattare l'email
redazione-blog@thesunastrology.it

Il presente contenuto è protetto da Licenze Creative Commons
CC + SA + BY + TO REMIX + NC

TheSunAstrology, 2020 © All Rights Reserved