Categoria: Astrologia Mondiale: attualità, cronaca, sociale

ASTROLOGIAAstrologia Mondiale: attualità, cronaca, socialeFrancesco Faraoni

Il transito in arrivo di Giove in Aquario. Prospettive collettive e individuali.

L’ingresso di Giove in Aquario è a dir poco epico, esso avverrà il 19 dicembre 2020 e visto da Roma si posizionerà nel cuore del cielo, in decima casa, congiunto partile a Saturno. È una grande congiunzione quella che si presenta, una grande congiunzione che ha i caratteri e la natura di Saturno. Infatti, l’ingresso di Giove in Aquario avverrà nei confini di Saturno, e in un segno, quello dell’Aquario, che è secondo le dignità della tradizione domicilio preferito di Saturno perché è il segno che rappresenta il cuore dell’inverno, in un temperamento dove Saturno si trova a suo agio. Dal punto di vista del benefico Giove, il fatto che esca dal Capricorno è un dato preliminare abbastanza positivo, perché termina il suo transito in un segno che ha caratterizzato per gran parte del 2020 la sua caduta. Ma in realtà la situazione che si andrà a caratterizzare è piuttosto tesa e complessa.

Giove in caduta, ovvero nel segno del capricorno, è indebolito nelle sue funzioni di benefico e di protettore. Giove infatti non è solo l’astro che amplifica nel bene o nel male, è anche Astro di protezione, perché intende proteggere le attività sociali, rafforzando i nostri progetti. Quando in caduta, viene in un certo senso a mancare la sua protezione e quindi diventiamo più vulnerabili alle variabili del mondo, con tutte le conseguenze che ne derivano.

Giove in Aquario è peregrino, ovvero è in cerca di una collocazione ottimale, non è ancora un Giove forte e i suoi caratteri temperati subiscono un raffreddamento e un ulteriore irrigidimento, tuttavia diverso da quello che si può sperimentare quando è in caduta. Non possiamo però non notare che Giove fa il suo ingresso in Aquario in presenza di una congiunzione a Saturno, questo peggiora di molto almeno inizialmente la condizione benefica di Giove, che è irrigidita. Infatti Giove congiunto Saturno rappresenta sempre un momento di disfatta e di ricostruzione, i due architetti incontrandosi in un certo senso decidono cosa eliminare e distruggere, per poi insieme ricostruire gradualmente. L’incontro tra i due astri più importanti del sistema astrologico è sempre un iniziale scontro tra spinta espansiva (GIOVE) e freno che inibisce, spingendo all’essenzialità (SATURNO). Almeno per i primi mesi di Giove in Aquario avremo questa situazione non ancora così convincente nel farci supporre la possibilità di una imminente ripresa collettiva ma anche individuale.

Nel 2021 Giove gradualmente si allontanerà da Saturno, e questo distanziamento dovrà essere percepito come propedeutico a possibilità concrete di respiro, quindi di spazi effettivamente più orientati ad una ricostruzione. Ma Urano in Toro è un ulteriore elemento di prova che si inserisce nello scenario specialmente del 2021: perché in aspetto di quadratura a Giove, intende scardinare qualcosa, rompere o distruggere un certo sistema e un certo ordine, favorendo i moti di ribellione e le energie mortifere, per poi – arrivando in profondità – ricominciare seriamente a ricostruire.

Per prima cosa osserviamo che il segno Aquario è nella Disposizione dell’Immagine del Mondo (THEMA MUNDI) posizionato nel Luogo Otto, casa comunemente detta della morte oppure inoperosa. Il segno Aquario è considerato da autori importanti come Retorio, segno che parla di morte e di pigrizia e inefficienza, lo stesso Vettio Valente ma anche Macrobio descrivono questo segno, specialmente quando levante, come indicazione della fatica dell’uomo, del duro sacrificio. Macrobio indica che l’Aquario è tra i segni umani quello col temperamento più lontano dall’umanità. Questo carattere così duro conferito all’Aquario è dovuto al fatto che il segno è domicilio preferito di Saturno quindi in questa energia è valorizzata la natura saturnina più estrema e più difficile.

Cornelio Agrippa nel suo Filosofia Occulta ci riporta i nomi magici che Ermete Trismegisto pronuncia nei confronti di Saturno, questi nomi ci possono far capire la natura del segno Aquario e in che tipo di territorio ci troviamo: portafalce, padre degli dei, dominatore del tempo, nume sovrano, il grande, il saggio, l’intelligente, l’ingegnoso, il divoratore di spazi, il vegliardo profondo, il generatore delle contemplazioni secrete, l’ispiratore di grandi pensieri, il distruttore e il conservatore di tutte le cose, il guardiano e lo scopritore delle cose nascoste che fa perdere e ritrovare, il dispensatore della vita e della morte, il sovvertitore e il costitutore della forza e della potestà. Filosofia Occulta ci dice che “quando si teme Saturno o Marte bisogna opporgli Giove o Venere”: questo ci fa capire che il territorio in cui ci troviamo, quando sono particolarmente sollecitati i segni di Saturno, è un territorio difficile, privativo e limitato.

Tuttavia, la natura di Saturno è anche ingegnosa, dominatrice, capace, costruttrice: questo sta a significare che dal transito di Giove non possiamo aspettarci grandi cose trovandosi comunque in un segno della natura di Saturno, ma possiamo sicuramente canalizzare questa energia verso cose pragmatiche e finalizzate alla costruzione seria e rigorosa, all’impegno, al sacrificio attraverso cui con minuziosa e certosina pazienza arrivare ai propri intenti. Il raggiungimento di un miglioramento sostanziale è possibile, ma dobbiamo superare prima di tutto i mesi di dicembre 2020, e di gennaio, febbraio e marzo 2021, perché sono quelli in cui Giove sarà più sollecitato da Saturno, Marte e Urano in vari momenti. Poi lentamente questa pressione andrà esaurendosi e Giove sarà lasciato libero di agire in modo più significativo. È però essenziale rimanere coerenti con le energie temperamentali: Giove è un astro temperato, mite, quindi nel segno Aquario questa sia qualità benefica è mitigata e spenta, e Giove può a volte avere difficoltà nell’essere gradevole realmente e concretamente in queste condizioni.

Giove ci chiede un impegno e un sacrificio necessari al raggiungimento di determinati scopi od obiettivi personali e collettivi. Siamo cioè vincolati dall’energia Aquario che ancora è nella dimensione saturnina del limite e della restrizione generale. Inoltre, astrologicamente l’ingresso di Giove in Aquario coincide con la Grande Congiunzione Giove-Saturno, un incontro epico e molto importante perché oltre ad essere un ritorno della congiunzione dopo 20 anni, è anche un incontro che chiude un ciclo di oltre 200 anni, quello aperto nel 1800 da Giove-Saturno nel segno Vergine, che ha segnato l’inizio di una lunga ciclica nella triplicità di terra Vergine Capricorno Toro. Con Giove-Saturno in Aquario entriamo definitivamente nel territorio della triplicità di Aria, quindi dei segni Aquario, Bilancia e Gemelli, è una congiunzione mutazionale perché conferma il cambio di un paradigma, di una certa realtà consolidata, che deve ora far spazio a qualcosa di inedito e nuovo che sta emergendo in modo definitivo proprio a partire da questo 2020: un mondo che ridisegna completamente gli scenari sociali e di conseguenza politici ed economici mondiali.

Non ritorneremo al mondo che era fino a poco tempo fa… e questi cambiamenti non sono ne buoni ne cattivi, sono esclusivamente CAMBIAMENTI, mutamenti di un mondo che si sta preparando a scenari diversi e quindi è orientato verso nuove modalità che inevitabilmente riorganizza anche le nostre radicate consuetudini ed è per questo che siamo la generazione più colpita dagli scenari in corso, perché si presentano in un momento della nostra esistenza in cui cambiamenti simili ci obbligano in un certo senso a resettare tutto e a ricominciare un cammino in percorsi inediti e in scenari nuovi.

I momenti più importanti di GIOVE IN AQUARIO saranno:

  1. metà dicembre 2020, tutto gennaio 2021, fino a metà febbraio 2021, quando Giove è in congiunzione stretta a Saturno: questo è un momento dove le certezze vengono meno, si evidenzia nel mondo un crollo istituzionale o un crollo di certezze, dove il segno della fatica dell’uomo ovvero l’Aquario colui che insegna sulla morte, sarà più evidente e più marcato, le grandi congiunzioni spesso coincidono con la fine di regni, governi, o con la destituzione di certe figure di potere, che vengono sostituite con nuovi personaggi e nuove idee del mondo, migliori o peggiori lo stabilirà il tempo e quindi la storia;

  2. tutto gennaio 2021, quando Giove sarà in quadratura a Urano e a Marte e congiunto a Saturno: momento molto potente sul piano energetico, ed estremamente difficile, è il cuore di una emergenza umana e naturale, le energie in gioco sono molto forti e intendono scardinare qualcosa attraverso la lotta tra energie titaniche dove, in modalità tirannica, si cercherà di prevalere sull’altro per ottenere la meglio; scontri tra persone e/o eventi naturali di una certa imponenza possono coincidere nel linguaggio della sincronicità a questi aspetti epocali, una certa riluttanza al potere e all’ordine precostituito, un sovvertimento, una terra che viene capovolta e sconvolta, la natura aquario-toro quando in contrasto e attivata da Astri così importanti decreta verosimilmente all’immagine di una grande tempesta, umana o naturale, è uno sconvolgimento riottoso rispetto agli ordini comuni;

  3. il periodo che va da maggio 2021 a dicembre 2021 è il periodo migliore di Giove in Aquario, che brevemente sarà in Pesci da metà maggio 2021 a fine luglio 2021. L’ultima parte del 2021 potrebbe in effetti conferirci un Giove più disponibile ad elargire le sue istanze benefiche, con scoperte o scelte che in qualche modo tracceranno una exit strategy verso una risoluzione che tuttavia, ci tengo a sottolinearlo, sarà più evidente e più ufficiale solo quando Giove sarà nel suo domicilio notturno, ufficialmente, da fine 2021 e quindi per il 2022.

GIOVE PER I SINGOLI INDIVIDUI

 

SUL PIANO INDIVIDUALE – i segni di nascita, i segni ascendente e i punti del proprio grafico di nascita dove sono presenti questi gradi e che risentiranno del transito di Giove in Aquario, sono i seguenti di cui vediamo la modalità espressiva del transito in grandi linee:

 

  • molto disarmonico gradi da 0 a 10 Toro Aquario Leone Scorpione: questi sono i gradi più soggetti alle influenze disarmoniche di Giove-Saturno-Urano che in particolare nel primo semestre 2021 risentiranno dell’attività del cielo che intenderà ribaltare certe situazioni, portando energie che stimolano alla ribellione ma anche al distacco definitivo verso ciò che risulta improduttivo o non più utile, un distacco che potrebbe anche essere improvviso e non voluto, ma che si renderà necessario per evidenze oggettive; questi sono i gradi sicuramente più soggetti in modo disarmonico all’attività di Giove, tuttavia questa energia non ha il senso di esservi contro, piuttosto vi spinge a riconoscere tutte quelle situazioni che non vi rendono realmente liberi o felici, è si può dire un’energia utile per ultimare processi di distacco definitivo da persone o ambienti ormai non più utili o che oggettivamente non rispondono più ad un proprio cammino personale. Il rischio di queste energie è quello dell’ostinazione, in questo caso incaponirsi su certe situazioni evidentemente terminate e non più utili, rischia esclusivamente di allungare il logorio determinato dalla frustrazione e dall’oppressione. Così, se deciderete di usare queste energie come forze dirompenti per liberarsi da ciò che vi soffoca, potranno concedervi l’appagamento e la consolazione della libertà ritrovata;

  • disarmonico grado da 11 a 30 Toro Aquario Leone Scorpione: in particolare Giove attiverà nel secondo semestre del 2021 energie più disponibili; anche se queste sembreranno limitarvi o responsabilizzarvi, qui il cambiamento si traduce in qualcosa di significativamente valido, così una condizione instabile o incerta sarà soggetta a nuove trasformazioni che aiuteranno a trovare strategie di risoluzione, le contestazioni si placano, gli accordi vengono trovati, difronte a un problema si avrà l’interesse ad affrontarlo con razionalità e perspicacia, con attenzione e devozione, un sacrificio dunque che porta però un beneficio finale;

  • molto armonico tutti i gradi Gemelli Bilancia Ariete Sagittario: il transito di Giove anche se si presenterà in diverse occasioni con importanti impedimenti, risulta essere per questi gradi più positivo ed armonico. Si tratta di soddisfazioni credibili e nette, ma prima di tutto poiché il segno di Giove è segno di purgazione, intende rappresentare un transito di pulizia che riorganizza la mente e lo spirito. Le cose che diventano ordinate saranno così più comprensibili e più fruibili. Un certo ordine impererà in questi gradi, infondendo capacità, pragmatismo e grandi doti di stabilizzazione. Molti di questi gradi potrebbero dare inizio a nuovi progetti, a nuovi ordini, conquiste e conferme, acquisizione di autorevolezza, successi, ma sempre e comunque nella comune traccia del sacrificio ovvero della necessità di accettare di staccarsi da qualcosa o qualcuno, per meglio valorizzarsi nel mondo;

  • armonico tutti i gradi Vergine Pesci Capricorno Cancro: l’attività di Giove è prima di tutto ricostituente, il suo elemento, l’Aria, conduce alla Terra e all’Acqua una virtù vitale e rianimatrice; inoltre essendo il segno di Giove, l’Aquario, nella disposizione del Mondo posizionato nel luogo otto, insegnerà a questi gradi l’arte della trasformazione proficua, specialmente materiale, economica, ma anche famigliare. Le questioni della propria origine, delle dinamiche famigliari, dei rapporti con persone care e che amate, diventano motivo di impegno e di necessario coraggio: ovvero si rende indispensabile riconoscere i modelli in cui vivete e capire realmente quali possono essere abbandonati per cominciare un cammino di maggiore autenticità, emancipazione e indipendenza. Giove forma con questi gradi dinamiche che non producono rivoluzioni o conquiste eclatanti, tuttavia smuove tutto ciò che è stato sospeso nel tempo, accantonato, dimenticato, affinché si arrivi ad una scelta definitiva, a prescindere dalla sua natura.

 

Autore Francesco Faraoni (Astrologo Franz Yeliyel) – studioso di astrologia e di filosofia naturale, ad approccio umanistico.
Pagine Facebook link

ASTROLOGIAAstrologia Mondiale: attualità, cronaca, socialeFrancesco Faraoni

I protagonisti USA: Biden e Kamala, le sfide immediate in arrivo

In attesa delle evoluzioni politiche relative alle ultime elezioni USA – che hanno confermato la vittoria di Biden su Trump – possiamo in grandi linee osservare i caratteri predominanti dei due protagonisti del momento: quello di Joe Biden nato il 20 novembre 1942 alle ore 8:30 a Scranton (Pennsylvania, orario incerto) futuro presidente USA; e quello di Kamala Harris nata il 20 ottobre 1964 alle ore 21:28 a Oakland (California, Rodden Ratin AA). Le elezioni USA che hanno decretato attualmente il vincitore sono caratterizzate da una sizigia novilunica del 16 ottobre 2020, di cui osserviamo il grafico seguente domificato per la capitale degli USA, Washington.

PREMESSA

L’elezione negli USA avvengono nell’assoggettamento di questo ciclo lunare, un novilunio caratterizzato dall’Ascendente Aquario, a 15°, disposto da Saturno che è in domicilio e configurato in Dodicesima Casa, quella del cattivo genio. Saturno in qualità di governatore dell’Ascendente è in quadratura al Segno Novilunico, la Bilancia disposta da Venere che è in caduta. La congiunzione Sole Luna si orienta nell’inoperoso Luogo Otto. I tratti principali di questa sizigia non sono dei migliori perché decretano un ciclo lunare abbastanza problematico: i concetti di fatica e difficoltà, di incertezza, di duro lavoro, o di fatica-inoperosa, si configurano con i caratteri predominanti di questa sizigia, non c’è un pianeta che possa essere ritenuto importante e ben messo in questo grafico, qualsiasi Astro osserviamo è rappresentato da una configurazione di forte instabilità, o di incertezza. Tuttavia questa è la sizigia che ha condotto verso il voto finale e determinante quello del 3 novembre, anche se l’esito chiaro è emerso solo più avanti, ma sempre in una giornata sottoposta ai decreti di questo novilunio. Notiamo quindi che gli esiti così come sono stati ottenuti, le critiche mosse da Trump, la sua intenzione di rivolgersi alla corte suprema, i primi momenti di incertezza, i supporter di Trump scesi in piazza con armi in mano a protestare contro i risultati, il rischio di una accusa senza precedenti di Trump verso il suo rivale (il non concedere il riconoscimento della vittoria), la possibilità di diatribe giuridiche, evidenziano un momento veramente delicato per l’America e di grande incertezza. Anche se la conferma di Biden è ormai un dato oggettivo, questo non esclude la possibilità che il passaggio dei poteri non sia così semplice e immediato.

Lo scenario attuale è in linea ad una sizigia molto faticosa e instabile, incerta e preoccupante. L’ascendente della sizigia novilunica del 16 ottobre è a 15° in Aquario, la sua cuspide cade nella TERZA CASA DI BIDEN luogo della Dea Luna, casa buona e favorevole, comunicativa, amplificativa, concreta e genuina. Mentre cade nella SESTA CASA DI TRUMP luogo del Misero Declivio, della discesa improvvisa e rapida, della perdita di potere e di riconoscimento, del ridimensionamento, del precipitare rovinosamente e inaspettatamente. L’Ascendente di sizigia novilunica conferma quindi l’esito finale: favorendo Biden rispetto a Trump, semplicemente posizionandosi in una casa armonica nel grafico di Biden e in una casa disarmonica nel grafico di Trump.

PROTAGONISTI – JOE BIDEN

Il grafico di Joe Biden, di cui non abbiamo assoluta certezza sull’orario di nascita, vede una dominante zodiacale che è quella dello scorpione, segno disposto da Marte che è nel suo domicilio notturno. Lo Scorpione è nella Disposizione del Mondo disposto nel Luogo dove ha sede la Gioia di Venere, ovvero Casa Cinque del Thema Mundi; nella quinta casa di Biden notiamo una interessante Luna in Toro il cui grado è tuttavia profondamente incerto non avendo certezza sul suo orario effettivo di nascita. Tuttavia, se fosse una Luna entro i primi gradi del Toro, è evidente che la prima grande sfida che Biden incontrerà sarà proprio quella di SATURNO in Aquario e di GIOVE in Aquario, prossimi al loro ingresso e specialmente alla loro grande congiunzione (mutazionale), che se effettivamente andasse a congiungersi alla Luna in modo perfetto, avremmo già una indicazione molto forte e importante a metà dicembre 2020, nonché sfide epiche proprio legate al mese di gennaio e febbraio 2021. L’insediamento di Biden risulta quindi nell’imminente posizione di Astri di transito a dir poco difficile e complesso. La natura di Biden è marziale a causa di una dominante zodiacale che non può essere sottaciuta (luminari in scorpione, con marte in scorpione domicilio notturno, venere in scorpione in esilio e mercurio in scorpione), tuttavia la sua marzialità è afflitta poiché orientata nel luogo del cattivo genio, e la biografia di Biden ci indica già i caratteri di questa dominante essendo stato vittima di eventi luttuosi e molto difficili in ambito famigliare e personale. Ma il potere di un individuo lo possiamo comprendere dalla natura della cuspide della decima casa, Biden ha un Medio Cielo in Vergine disposto da Mercurio, nonché cuspide nei confini di Saturno. Mercurio-Saturno si dispongono in luoghi noti per essere definiti anche “dei nemici nascosti XII” e “dei nemici noti VII”. La rivalità e le sfide nel momento in cui a Biden è concesso potere sono indubitabilmente immense, la sua presidenza sarà probabilmente la più difficile di sempre, probabilmente a causa di scenari sociali ed economici in arrivo di proporzioni bibliche e importanti. Una dominante scorpione, con Luna in quinta casa, denota riflettendo sul Thema Mundi un orientamento marcato nei confronti della speculazione economica e degli interessi economici in genere, la politica economica potrebbe risultare importante e vitale per una dominante scorpionica, che tuttavia è anche nota per essere considerata eternamente sulla difensiva e sull’attacco. Marte è congiunto alla cuspide della dodicesima casa e sarà soggetto ad un momento di transito molto delicato, quello del primo semestre 2021 dove in diversi momenti Marte Giove Saturno di transito formeranno aspetti dissonanti al Marte di nascita di Biden. Insomma in parole semplici la carta di Biden configura una dote sicuramente al comando, ma all’interno di grandi sfide e di complesse dinamiche temperamentali che in certe condizioni possono anche esautorare il soggetto, affaticandolo o ponendolo di fronte sfide molto impegnative e dure. Marte governa la V e la XII casa. La Luna governa la ottava: questi sono i due primi astri genetliaci ad essere soggetti alle potenti configurazioni in arrivo di Saturno-Giove. Il suo Ascendente è comunque in Sagittario disposto da un Giove in esaltazione (ma purtroppo retrogrado e in casa inoperosa, la otto). Questo ascendente configura buone capacità di lavorare e impegnarsi anche quando le sfide sono difficili, incoraggia quindi a raggiungere la meta a tutti i costi, mettendo in campo energie importanti, ma le sfide in arrivo sono veramente epiche e privative.

PROTAGONISTI – KAMALA

La vicepresidente, futura, degli USA ha un Ascendente in Gemelli governato da Mercurio nella Casa Cinque, combusto dal Sole. Il dato che emerge immediatamente agli occhi, nell’osservazione dei transiti in arrivo, è il fatto che un punto strategico dell’oroscopo sarà prossimamente soggetto alla grande congiunzione Giove-Saturno in Aquario di dicembre 2020 con un aspetto di quadratura. Molto forte è la Luna in Ariete in undicesima e Saturno in Aquario in Nona Casa ma congiunto alla cuspide della Decima casa, retrogrado. Venere è in caduta, nello stesso segno della Venere incontrata nella sizigia. Abbiamo diverse assonanze con i transiti in arrivo visti per Biden, perché anche nel grafico di Kamala si evidenziano energie importanti pronte a esprimersi concretamente attraverso il moto di transito degli Astri fondamentali. L’Ascendente di Kamala è in quadratura al Mediocielo di Biden. L’Ascendente in segno umano di Kamala orienta verso una grande dote dialettica, comunicativa, e quindi anche politica e sociale, è senza ombra di dubbio un grafico che evidenzia maggiori capacità di comando e di decisione, o quanto meno una voglia di emergere e di affermarsi. L’interesse per la speculazione economica è evidenziato anche qui dal governatore dell’Ascendente in casa cinque, tuttavia c’è una combustione decretata dal Sole che da una parte può far emergere una incisiva voglia di fare e di concretizzare ideali elevati, ma di fatto esprime anche un rischio di eccessiva autoconvinzione e autoindulgenza: i transiti in arrivo e gli aspetti più importanti pronti ad emergere prossimamente orientano verso un periodo di sfide forti e difficili.

Il compito che aspetta a Biden e a Kamala è arduo e impegnativo, esultare sulla loro vittoria è lecito in un momento in cui si ha desiderio di riscatto e di rivincita, ma in quali scenari questi due personaggi si muoveranno? Dai grafici pare evidente che le sfide in arrivo per questi due protagonisti non sono affatto semplici, una serie di situazioni emergenti o che emergeranno con violenza prossimamente, indicano in modo chiaro una sfida epica per l’America, una sfida in arrivo già trattata in precedenti approfondimenti dove in diverse occasioni ho indicato come fosse il momento storico per gli USA veramente delicato e importante, e che molti eventi avrebbero ridisegnato gli USA per come li conosciamo, in nuovi scenari.

Saranno all’altezza Biden e Kamala di gestire le sfide che sembrano epocali in arrivo per gli USA e di conseguenza per il mondo intero?

LE SFIDE IMMEDIATE IN ARRIVO – esse sono rappresentate principalmente dai transiti di Saturno Giove (in aquario) e Urano (in toro): è evidente che il sistema transiti mette in luce proprio a partire da dicembre 2020 e per i prossimi mesi un momento molto delicato per la stabilità sociale degli USA, energie veramente forti che canalizzate nei due protagonisti Biden-Kamala assumono le sembianze di profondi ribaltamenti e criticità a cui l’America – e di riflesso il mondo connesso al nuovo continente – dovrà confrontarsi.

ASTROLOGIAAstrologia Mondiale: attualità, cronaca, socialeFrancesco Faraoni

Il ruolo di Mercurio nell’emergenza mondiale di questo periodo

Francesco Faraoni – Nei tanti approfondimenti che ruotano sull’emergenza del momento, dal punto di vista astrologico, si è discusso molte volte su Saturno e Giove. Il grande malefico nel suo domicilio ha avuto maggiore dignità di Giove nella sua caduta, e siamo stati sicuramente soggetti a un  2020 di estrema austerità, di restrizione, difficoltà e privazione. Tutti caratteri circoscrivibili alla natura di Saturno che raffredda e raggela, offrendoci spesso scenari malinconici e limitativi. Tuttavia, nelle immagini del cielo legate al 2020, un ruolo fondamentale lo ha svolto Mercurio che nell’ingresso del Sole in Ariete si è presentato in una posizione dominante, come anche nella sizigia del Sole in Ariete 2020. 

Nel Grafico osserviamo l’Immagine del Cielo vista da Roma relativa all’ingresso del Sole al grado zero dell’Ariete. Questo momento è per l’Astrologia molto importante perché rappresenta una fotografia del nuovo anno zodiacale che, per questa disciplina, inizia da questo momento. Claudio Tolomeo ci indica che l’equinozio di primavera rappresenta un momento ideale per comprendere l’anno che arriverà e decretare indicazioni su quanto ci può aspettare. Ci dice tuttavia che è importante valutare anche la sizigia perché essa decreterà lo stato generale, di benessere o malessere, del collettivo, inclusa della salute pubblica e del clima, mentre l’ingresso del Sole in Ariete ci orienta più verso lo studio del potere di uno Stato e di come esso sarà esercitato sul collettivo, in che modalità e in quale contesto.

L’ingresso del Sole in Ariete vede un Mercurio a 2° in Pesci posizionato in Ascendente, quindi in una casa angolare che è considerata la più forte tra tutte e dodici. Tutti i pianeti qui posizionati aumentano il loro potere e la loro forza, e osserviamo che Mercurio è nella sua caduta e nel suo esilio. Un pianeta si forte, ma che si presenta in forte debilità. Mentre gli astri che affollano la casa dodici sono considerati deboli, perché si posizionano nella casa del cattivo genio, pianeti che quindi decretano una vulnerabilità di questa immagine rafforzata da un Mercurio importante in ascendente ma nelle sue principali debilità. Unico astro magnanimo (si fa per dire) è Venere in Toro che si posiziona nella casa della Dea Luna, anche se soggetto ad una quadratura abbastanza ostile di Saturno.

Insomma qualsiasi punto osserviamo di questa immagine, abbiamo una Figura del Cielo abbastanza debole e affaticata. Mercurio quando è il pianeta dominante del grafico, e se in debilita, ci indica turbamenti nel collettivo, oltre a indicarci malattie respiratorie come scritto nel Tetrabiblos Libro III capitolo IX: Tolomeo è molto preciso nell’indicare i risvolti negativi e disarmonici di Mercurio e tra le varie cose ci indica anche un pianeta che può portare debolezza fisica e problemi polmonari relative alle possibili malattie collettive. 

Mercurio è mobilità e descrive le dinamiche delle nostre attività quotidiane, quindi le restrizioni sperimentate vedono in Mercurio di questa immagine il significatore della caduta di tutto il nostro stile di vita e della nostra quotidianità, oltre che l’esilio ovvero la difficoltà di sentirci realizzati o nel pieno delle nostre potenzialità. Questo aspetto di Mercurio è amplificato e peggiorato dalla condizione di tutti gli altri astri che non si trovano affatto in posizioni ottimali, decretando collegialmente un Ingresso 2020  pessimo e difficilissimo.

La sizigia del Sole in Ariete 2020 vede una disposizione degli Astri ulteriormente peggiorativa.

 

 

Notiamo un Mercurio dominante in decima casa, Marte e Saturno si posizionano nel Luogo della Morte insieme a Giove. Notiamo che Saturno è in domicilio, Marte in esaltazione, i due malefici sono fortissimi ma in una casa di inoperosità, vicino a Giove in caduta nel Capricorno. Mercurio è forte e per grado di passaggio risulta congiunto alla Stella Aquariana SITULA: è una stella che si posiziona nell’area della costellazione Aquario dove ha sede l’anfora e il flusso di liquido del portatore d’Acqua. Queste stelle hanno in genere la natura di Saturno. Ma Situla e le stelle posizionate nella zona dell’Anfora e del Flusso di acqua hanno una forte natura Saturnina mista a Giove. Tolomeo ci dice che l’astro dominante di una Carta di inizio anno va osservato anche per la congiunzione che forma con le stelle fisse, e questa è decisamente forte. Mercurio è quindi in uno spazio del cielo dominante, e in un settore dove è forte la natura di Saturno. Venere è congiunta alla XII casa, cattivo genio, e in qualità di significatore della salute nonostante sia in domicilio, mal si pone in dodicesima perché intende rappresentare proprio la debolezza del corpo e la disponibilità di ciò che è “sano” di accogliere il marcio o il malato.

Quindi, pur rimanendo indiscutibile l’idea che Saturno Giove e Marte hanno giocato un ruolo fondamentale, insieme anche a Plutone, in questo 2020, in quanto i due malefici sono stati fortissimi, e l’unico benefico a disposizione è stato in caduta, Mercurio ha rappresentato ciò che queste energie intendevano scardinare. Scrive Tolomeo: quando Mercurio è il principale dominatore, gli effetti si accomoderanno in generale alla natura della stella con la quale è congiunto (natura di saturno Situla) ma la sua caratteristica rimane quella di essere turbolento. Induce a commettere furti, fa i pirati, e causa le difficoltà di respirazione se unito ai malefici.

Anche se non era congiunto a Saturno o a Marte, Tolomeo intende dire che un Mercurio dominante e in un contesto fortemente saturnino, può decretare una forte instabilità anche del sistema salute, specialmente legato alla respirazione, atto biologico di estrema importanza per la vita e la sopravvivenza. Il virus covid si è quindi insidiato in un sistema mondiale di forte debolezza, e in Italia Mercurio dominante ci rende più vulnerabili a questo tipo di agente invasivo, verso cui non possiamo abbassare la guardia.

La carta del Sole in Ariete 2020 è valida fino al prossimo ingresso del Sole in Ariete, quindi tutto novembre, dicembre 2020, nonché gennaio 2021, febbraio 2021 e prima parte di marzo 2021, saranno ancora soggetti a queste immagini celesti, in scenari ancora problematici specialmente dicembre 2020 – marzo 2021 sono gli ultimi mesi prima del successivo ingresso del Sole in Ariete 2021 molto acuti e difficili, che non devono farci abbassare la guardia.

Faccio inoltre osservare che l’ascendente del Sole in Ariete 2020 è stato in Aquario, segno posizionato nel Thema Mundi (immagine del mondo creato) nel luogo della morte, casa otto, ed è per questo che l’Ascendente Aquario è visto come ascendente di lotta faticosa e dove il temperamento a emergere è contrario all’uomo, dopotutto è il segno preferito da Saturno, più del Capricorno.

 

Nonostante molti astrologi abbiamo ipotizzato l’imminente fine della crisi covid, è evidente che l’Immagine più forte del 2020 rimane il Sole di ingresso in Ariete perché è questa e solo questa la carta che decreta sull’anno. Essendo inoltre in un segno fisso, è una carta valida fino al successivo ingresso che avremo a marzo 2021. Ma quando finirà tutta questa emergenza? E’ una domanda che mi avete chiesto in molti: nell’approfondimento di marzo 2020 vi avevo avvisato che non sarebbe finita qui che anzi l’autunno e l’inverno avrebbero portato ulteriori situazioni che in quei tempi definivo “difficili da capire ora ma che capiremo quando sarà il momento” ma che deponevano chiaramente a favore di una continuazione dell’emergenza. Ci stiamo inoltre avvicinando a fenomeni e aspetti importanti: sento in giro gente che vede la congiunzione Giove-Saturno di dicembre 2020 in Aquario come segno di rivoluzione positiva, di un nuovo mondo di coscienza, ma l’Aquario prima di raggiungere le Stelle Infinite deve superare la dimensione della fatica e della lotta, prima di accedere al Firmamento deve superare la soglia di Saturno, che non è stata ancora superata. Saturno sarà ancora nel suo domicilio per i prossimi anni, ma fortunatamente cambiano le situazioni dei benefici. In particolare Giove andrà in Aquario peregrino poi in Pesci nel suo domicilio notturno, questo può indicarci una traccia in via di risoluzione ma le Immagini del 2021 del Sole in Ariete non depongono a favore di una svolta reale, se non nel periodo di fine primavera estate quando Giove entrerà per una manciata di settimane in Pesci indicandoci forse il momento della scoperta di una risoluzione medica, mi auguro vaccinale, ma prima di questo evento dobbiamo attendere i difficili mesi di Dicembre 2020, Gennaio 2021, che sono molto acuti e difficilissimi, per varie ragioni, oltre all’Immagine del Sole in Bilancia 2021 altro momento molto difficile che decreterà un semestre di ulteriore difficoltà. Intanto poiché c’è un cambio di paradigma, la congiunzione Giove Saturno di dicembre 2020 segna la fine degli incontri dei due Architetti Celesti nella triplicità di terra, essi si incontreranno successivamente nella dimensione aria, e questo cambiamento è una piccola apocalisse. Poi perché Saturno andrà subito in contrasto a Urano, l’incontro e lo scontro è titanico, e può riguardare sia la nostra salute mondiale sia situazioni di altro tipo che aggiunte all’emergenza covid colpiranno ulteriormente il sentimento collettivo, confinandolo in dimensioni temperamentali a dir poco malinconiche, di più: estremamente fredde e rigide.

Saturno si scontra con Urano. Il primo è nel segno più gelido, il secondo nel segno più mite perché è il cuore della primavera. Lo scontro di temperamenti simili descrive solo una cosa: tempesta. E questo è quanto emerge, a dispetto di chi vuol far passare l’idea che è tutto rosa e fiori: no, non lo è. Il momento è critico e severo, e questa continua demonizzazione dei problemi ci fa vivere tutto con approccio relativista, facendo finta che non accada nulla fuori dalla nostra finestra, quando invece c’è un mondo morente e asfissiante. La presa di consapevolezza dei problemi e la conseguente necessità di RESPONSABILITA’ sono le sole ricette a disposizione che abbiamo per affrontare questo momento difficile, in sintonia alla ricerca medica e agli scienziati di cui dobbiamo assolutamente fidarci. 

La domanda che mi fate è quando finirà. Il virus sarà debellato? Non lo so onestamente, con il virus dell’HIV abbiamo imparato a conviverci. Con questo sarebbe più difficile. Siamo in presenza di anni complessi, i generazionali cambiano di segno, Plutone presto sarà in Aquario, e solamente più avanti avremo una armonia tra tutti i pianeti, una armonia reale e concreta che ancora non emerge in questi anni in arrivo: la Grande Armonia dei generazionali sarà a pieno regime solo nel 2026, ma già nel 2023 con il passaggio di Plutone in Aquario comprenderemo il “cambio del paradigma mondiale”. La vita dell’umanità è fatta di tappa lunghe e di cicliche articolate, noi come generazione abbiamo scelto di vivere in questo tempo e in questo momento, rendendoci probabilmente testimoni di un importante passaggio di stato, delicatissimo, perché dalle scelte che compiremo in questo momento, decideremo che mondo vogliamo dare a noi stessi prossimamente ma specialmente quale mondo intenderemo dare alle generazioni future. Siate quindi responsabili anche per chi sarà… dopo di noi.

ASTROLOGIAAstrologia Mondiale: attualità, cronaca, socialeFrancesco Faraoni

Ingresso del Sole in Scorpione 2020

Benvenuti nella stagione dello Scorpione, stagione il cui segno, dicono alcuni aforismi, è propizio e favorevole se transitante la Luna per la vendemmia ma anche per la semina. Molte opere artistiche portano per esempio l’immagine dello scorpione celeste in scenari connessi al Vino. Lo Scorpione non è vera e propria raccolta dell’uva è piuttosto la trasformazione dell’uva raccolta precedentemente. Nello scorpione avvengono le trasformazioni dei frutti della terra, trasformati al fine di conservarli.
RUMORES DICTI LUNA EXISTENTE
IN PRIMA FACIE SCORPIONIS
MENDACES SUNTI ET COMPOSITI
CENTILOQUIUM HERMETIS

Sulla Luna in Scorpione ci sono in effetti molte dicerie. La diceria di cui fa riferimento questo aforisma riguarda il fatto che nei primi gradi dello Scorpione vi è la via combusta della Luna. Il che è vero… alcuni autori indicano che la Via combusta della Luna si estende dal grado 15 della Bilancia al grado 15 dello Scorpione, tuttavia la via combusta della Luna quando è nel segno Scorpione intende indicarci che è in via di uscita, ovvero che volge verso il termine. La diceria che segnala anche Cardano riferendosi al Centiloquium Hermetis è che non è affatto vero che questa Luna non esprime fertilità.

 

 

 

In molti manoscritti medievali (come nell’immagine sopra che proviene dal Libro delle Ore Ms. Pierpont Morgan Library 1425-1430 ca.) la Stagione dello Scorpione è spesso raffigurata da uomini che seminano la terra, in realtà è una immagine che intende rappresentare il periodo della “preparazione” del terreno, legata proprio alla semina autunnale che in particolare riguarda la semina di spinaci, ravanelli, cipolle, lattuga, barbabietole, carote, cavolo, rucola, porro, valeriana, cicorie, radicchio, scarola, seme di rapa e aglio rosa.

Lo Scorpione è la cosignificanza della casa V nel Thema Mundi quindi insegna sul sesso, sui piaceri della vita, sulle speculazioni. Ovvero insegna sulle attività proprie finalizzate al piacere fisico e carnale, (è segno connesso agli organi sessuali) ma anche alla trasformazione delle risorse per utili vantaggi (speculazione appunto). Il segno rievoca la semina autunnale ma rappresenta anche la preparazione del terreno agricolo per le future semine. In questo periodo in alcuni orti vengono sollevate le zolle e comincia anche la distribuzione del letame che ha bisogno di molti mesi per sedimentare, decomporsi e rilasciare i suoi nutrienti che serviranno poi per le semine future. Lo SCORPIONE è posto nel Thema Mundi nella GIOIA DI VENERE (casa V) perché ha potere fertilizzante e perché connesso ai genitali è legato al piacere fisico e carnale. E’ il segno in cui troviamo il domicilio notturno di Marte dove il pianeta si “ammorbidisce” ovvero la sua eccessiva collera viene smorzata da ingerenze di umidità-freschezza, si dice infatti che un Marte notturno sia “migliore” perché meno collerico. Nello Scorpione incontriamo l’esilio di Venere il che non deve trarre in inganno perché tale condizione significa per la Venere essere “spogliata” di romanticismo, estetica, senso del pudore, per immergersi totalmente nel piacere carnale e sessuale, la Venere in Scorpione anche se è in debilità intende proprio rappresentare la “discesa dell’astro nella dimensione dei piaceri” e questo può avere certamente risvolti positivi ma anche negativi. Non a caso nel segno Scorpione ritroviamo anche il carattere delle acque torbide (la torbidità e l’ambiguità che spesso si associano a questo segno).

Lo Scorpione è un segno Fertile o prolifero, muto o di voce flebile, freddo, acqueo, notturno, flemmatico femminile, fisso, settentrionale. L’INGRESSO 2020 DEL SOLE IN SCORPIONE per l’Italia vede un Ascendente in Leone, signore dell’oroscopo è il Sole, il cui segno è disposto da un MARTE IN IX che è particolarmente “blasfemico” nella casa IX, anche perché nei confini di Mercurio, e vuole indicarci un momento “irriverente” per il collettivo, o un momento in cui abbiamo difficoltà nel credere, nell’aver fiducia negli altri: non ci fidiamo degli altri o gli altri non ci suscitano coerenza, sincerità. Significativi i tre astri Giove Luna Saturno posizionati nel Misero Declivio indicazione di un “periodo scorpione 2020” poco fruttuoso, impoverente, difficile sul piano economico e sulla salute pubblica.

Vi ricordo che il 2020 è rappresentato dall’Ingresso del Sole in Ariete di marzo 2020, e i pianeti in VI casa dell’ingresso del Sole in Scorpione vanno a posizionarsi sopra la XII casa dell’ingresso del Sole in Ariete 2020. Una sovrapposizione molto delicata e pericolosa in questo momento per via della estrema fragilità che stiamo vivendo sul piano collettivo nelle faccende di sanità pubblica. Siate prudenti e lungimiranti.

ASTROLOGIAAstrologia Mondiale: attualità, cronaca, socialeFrancesco Faraoni

Il 2021 alla Luce dell’Astrologia – Barbault e le indicazioni future. Valori e Disvalori. (2° Parte)

Nel libro “André Barbault parla. Piccola antologia” di André Barbault, leggiamo un passaggio importante riferito agli anni in corso:

La congiunzione Giove-Saturno-Plutone (2020 – 2021) si trova in semiquadratura a Nettuno e in quadratura a Urano, essendo questi in semiquadratura tra loro. Congiuntura di un nuovo disordine generale, dall’impronta pestilenziale. Un clima di prove diversificate, non esclusa una nuova pandemia, come pure grandi perturbazioni geofisiche ed ecologiche. Si deve altresì paventare la tensione della semiquadratura Urano-Nettuno: acute crisi sociali e politiche, conseguenza immaginabile di rivolte dei poveri contro lo scandalo di ricchezze vertiginose. Proprio sotto la precedente semiquadratura evolutiva Urano-Nettuno (1846-1849) – accompagnata dalla congiunzione Saturno-Nettuno – apparve la lotta di classe tra capitalismo selvaggio e il miserabile proletariato operaio, oltre all’epidemia rivoluzionaria europea del febbraio 1848, nel clima del nascente Manifesto del partito comunista.

Il lettore capirà e giustificherà il mio pessimismo verso gli anni in arrivo, un pessimismo che è orientato verso una visione del mondo in arrivo ancora destabilizzata e problematica. Insomma mi guardo bene da “facili ottimismi” di speranzosa new-age e di cacofonico risveglio delle coscienze: siamo in un momento epocale, con eventi del cielo veramente potenti.  Da una dimensione terra si passerà ad una dimensione aria, giustamente questa non è definibile GRANDE CONGIUNZIONE ma MEDIA CONGIUNZIONE perché appunto chiude un ciclo di, in questo caso, 219 anni e sarà una congiunzione mutazionale, ovvero che “cambia” la triplicità dei prossimi incontri Giove-Saturno, che avverranno successivamente in segni di Aria Aquario Bilancia Gemelli. Tuttavia è “grande” per la modalità con cui si presenta. Infatti diversi aforismi di autori antichi ci fanno notare che le congiunzioni Giove-Saturno sono potenti e forti, terribili, quando esse si presentano in prossimità di eventi celesti particolari come le eclissi totali oppure di eventi celesti improvvisi come fenomeni cometari. Per ora sappiamo che la congiunzione media Giove-Saturno sarà in prossimità di un evento di Eclissi Totale che non può assolutamente portarci a interpretazioni arbitrarie di facile ottimismo, questo per una responsabilità dottrinale nei confronti di chi cerca, nell’astrologia, una “visione” del mondo che è e che potrebbe essere. Fortunatamente, quindi, il sottoscritto non deve rettificare oroscopi generali passati, avendo chiaramente e in modo esplicito avvertito della gravità dei tempi in corso, e come detto più volte solo nel 2026, quando una serie di aspetti armonici tra i pianeti più lenti si paleserà chiaramente, comincerò a vedere dalle macerie o da quel che otterremo in questi anni difficili, un momento di ricrescita reale, realistica e verso un’età migliore per tutti.

Per ora però dobbiamo vivere gli anni in corso. Barbault fu il primo a segnalarci la criticità di questi anni. La sua tecnica prevede l’utilizzo di pianeti anche generazionali, nonché aspetti considerati minori che, probabilmente, sul piano collettivo hanno un impatto e un valore da tenere in considerazione. Non solo la quadratura Saturno-Urano, ma anche le tensioni di semiquadratura che ci hanno accompagnato specialmente nel 2020, consegnano un mondo fortemente destabilizzato e ancora molto dovrà emergere.

L’incontro Saturno-Urano in quadratura è uno scontro vero e proprio rispetto al ciclo di questa quadratura che ha inizio nel 1988 proprio nel segno del Capricorno. Ora Saturno si configurerà in Aquario e Urano, che è già in Toro, formerà nel 2021 un aspetto di quadratura che ci parla di conflitto e momento di prova rispetto tutto ciò che è stato costruito precedentemente: l‘incontro saturno urano ha a che fare col capitalismo, l’industria, la stabilità della società, la circolazione della moneta, ma è in relazione anche alle risorse del collettivo, materiali. Queste subiranno un momento di crisi, evidentemente.

Linda Wolf dice che gli aspetti dissonanti di Saturno-Urano (specialmente se uno di essi è in segno di terra come in questo caso) possono provocare eruzioni vulcaniche (Linda Wolf, Astrologia, Fabbri editore). Tuttavia Saturno – Urano intendono cambiare, a mio giudizio, anche le forme note, ponendole sotto uno stato di crisi: anche la questione economica specialmente quella capitalista è da tenere in considerazione, lo stesso Barbault su questi aspetti ci dice di monitorare con particolare attenzione gli USA, l’Europa, la Cina e la Russia, insomma pare che in questo momento siano proprio coinvolte le potenze principali del mondo, quelle in cui c’è ricchezza e potenza degli armamenti. Ma per forma deve intendersi anche quella associata all’ambiente e all’ecosistema: Urano è nel segno del Toro domicilio di Venere, e Venere governa la natura con le sue forme armoniche, i pascoli, gli animali, i boschi, è strettamente connessa alla Natura appunto, e Saturno-Urano in quadratura possono rivelarci una Natura che cambia, nella sua forma o nelle sue caratteristiche rispetto a ciò in cui eravamo abituati.

La fine del capitalismo o qualche forma di crisi monetaria o bancaria, ma anche qualche evento importante di natura terrestre e naturale, sono in un certo senso non visioni catastrofiste del sottoscritto interprete, ma indicazioni che emergono dal concerto di questi astri, già evidenziate in tempi non sospetti da André Barbault.

Se intendiamo ricostruire qualcosa, prima “questa cosa” deve venire meno e crollare definitivamente. Costumi, usi, tradizioni, vengono in un certo senso scossi da nuove realtà che emergono con predominanza e che esigono di essere viste, guardate, valutate. Sono specifici i momenti più cruciali in arrivo: dicembre 2020, gennaio 2021, febbraio 2021, maggio 2021, giugno 2021, novembre 2021, dicembre 2021. Questi i momenti di criticità Saturno-Urano da monitorare.

Per quanto riguarda la questione ICP c’è poco da dire, il 2020 e il 2021 sono anni con un bassissimo valore di Indice Ciclico Planetario, un accenno di risalita ma molto piccolo c’è nel 2022 ma solo nel 2025 e meglio nel 2026 ci troveremo in una piena e realistica ciclica ascensionale, di crescita, affermazione e di apertura verso ciò che io definisco “una nuova civiltà”, probabilmente più consapevole o che è arrivata a comprendere definitivamente la necessità di cambiare e abbandonare certi usi o certe politiche o certi costumi non più adatti al nuovo mondo che è.

Questa è una visione ottimistica, ovvero una “possibilità” tra le tante possibili variabili perché gli Astri, infatti, descrivono solamente gli scenari temperamentali, umorali, del collettivo, della natura, degli animali, ovvero i colori e le sfumature con cui possiamo dipingere il mondo che desideriamo o vogliamo, ma poi tali indicazioni devono necessariamente confluire verso una nostra “reale volontà” di azione o di scelta. Da che parte vogliamo stare quindi? Che scelte faremo nel momento della crisi o dell’emergenza? A che valori o disvalori intenderemo appellarci? Di seguito lascio un elenco di concetti su cui puoi riflettere e meditare. Ogni valore ha un suo disvalore in antitesi, questi sono i concetti chiave del 2021 ovvero la qualità delle energie che saranno in gioco sul piano del collettivo, sia nei loro aspetti costruttivi (valori) sia in quelli distruttivi (disvalori).

Prossimamente, comincerò degli approfondimenti su come i 12 segni zodiacali interagiranno con le energie del 2021. A presto.

ALTRI ARTICOLI DI QUESTO AUTORE SUL 2021:
1° Parte2° Parte

VALORE DISVALORE
COOPERARE EGOISMO
CORRETTEZZA DISONESTA’
DISCIPLINA VIOLENZA AUTORITARIA
SENSO DI GIUSTIZIA INGIUSTIZIA
INTEGRARE RIFIUTARE ED EMARGINARE
PACE GUERRA
LEGGE CHE REGOLA ANARCHIA E DISORDINE
COESIONE ISOLARSI
RITROVARSI ALLONTANARSI
AIUTARE IL PROSSIMO INDIFFERENZA
PROTEGGERSI E RIFUGIARSI RITIRO TOTALE DAL MONDO
SACRIFICARE PER IL FUTURO CONSUMARE TUTTO
ASTROLOGIAAstrologia Mondiale: attualità, cronaca, socialeFrancesco Faraoni

IL 2021 alla Luce dell’Astrologia – Introduzione al Cielo del nuovo anno (1° Parte)

Come di mia abitudine, Settembre mi porta sempre a dare uno sguardo più approfondito all’anno che sarà. In questo approfondimento, tratterò l’anno in arrivo osservato attraverso riflessioni sul collettivo, in successivi articoli sarà dato risalto a come questo cielo potrà incidere sui segni zodiacali visti per ascendente e per posizione del Sole e della Luna.

CONGIUNZIONE GIOVE SATURNO

La congiunzione Giove-Saturno in Aquario è molto importante, essa segna la fine del 2020 e il viatico verso il 2021, è inoltre una Media Congiunzione: va a chiudere un ciclo di 219 anni dove gli incontri di congiunzione Giove-Saturno sono stati sempre (fatta eccezione per gli anni 1980 1981) in un segno della triplicità di terra. Il ciclo di oltre 200 anni ha rispettato la simbologia della triplicità di terra, perché ci ha accompagnato in un lungo cammino di industrializzazione, di ricerca e materialità, le società hanno dato un grande valore all’economia e al denaro, alla produzione e al consumo: proprio la prima congiunzione Giove-Saturno di questo ciclo, nel 1801, è avvenuta nel segno di terra della Vergine e coincise in piena rivoluzione industriale; nel mondo si stavano attivando e attuando una serie di cambiamenti sociali che avrebbero, nel tempo, ricondizionato le società umane che sarebbero state in seguito centrate più sulla produzione, sul consumo, sul denaro, sulle speculazioni delle risorse. Questa congiunzione coincise con il precedente ciclo di incontri Giove-Saturno nella triplicità di fuoco.

GRAFICO DEL PRIMO INCONTRO GIOVE-SATURNO
nella triplicità di terra 1801

La congiunzione che avremo a dicembre 2020 è particolare perché “chiude” questo ciclo di 219 anni. Non avremo più incontri di congiunzione Giove-Saturno nella triplicità di terra, ma una serie di incontri per oltre due secoli nella triplicità dei segni di aria. Questo inizio avrà luogo nella modalità Aquario, l’analisi di questa energia può offrirci qualche spunto di riflessione e qualche indicazione su cosa questo nuovo ciclo intenderà offrirci nei prossimi secoli.

Nella triplicità di aria incontriamo i segni Gemelli Bilancia Aquario che hanno temperamento caldo e umido, sono segni maschili, diurni, paregemonici, sanguigni, di sapore dolce. Secondo Retorio, Aegyptia excerpta ex Teucro Babylonio de duodecim signis (CCAG VII pagine 209-28), il segno Aquario è nella disposizione della Nascita del Mondo seguente l’angolo del tramonto, quindi è luogo che insegna sulla morte. È il più freddo dell’anno, infatti risulta opposto all’estremo caldo del Leone, Macrobio lo considera il più lontano dal temperamento umano e per questo è considerato luogo di purgazione. Retorio definisce questo segno nekrodes ovvero simile ad un morto e akneron ovvero timido, riservato, ritirato. L’Aquario è visto anche da Albumasar come segno della modestia degli uomini, Vettio Valente lo ritiene un segno che può portare affanno, lotta, doveri, lavori aspri. A proposito di Media Congiunzione, Giuseppe Bezza nel testo Le Dimore Celesti scrive: Non è inoltre estraneo (l’aquario) agli Ebrei, che hanno Saturno come pianeta significante la loro fede… benché non vi sia un segno che abbia a sua tutela Israele (dice Abrahm Bar Hiyya) la media congiunzione che significò il regno d’Israele fu il congresso di Saturno e Giove in Aquario, nell’anno 2365 dalla creazione del mondo.

L’Aquario è il domicilio diurno di Saturno ed esilio del Sole.

INCONTRO GIOVE SATURNO
in aquario a dicembre 2020
visto da Roma

Da Roma la Congiunzione Mutazionale Giove Saturno è in Casa VII, la figura ha come timoniere dell’oroscopo la Luna in Pesci in IX casa e comunicante per sestile a Giove-Saturno. Saturno governa la VII e la VIII casa. Giove la VI e la IX casa. La Luna che governa il timoniere è nei Pesci, segno disposto da Giove, in una casa governata da Giove, i luminari sono in aspetto di quadratura.

Il concerto di energie coinvolte è notevolmente importante: la media congiunzione Giove Saturno in Aquario aprirà un ciclo di oltre 200 anni di incontri Giove Saturno nella triplicità di aria, il mondo che si preparerà sarà un mondo diverso da quello avuto precedentemente, un mondo che purgherà sé stesso da certe metodologie e modi di operare troppo centrati sulla terrestrità e la materialità, per far questo qualcosa dovrà morire, definitivamente concludersi. L’economia potrà dunque aprirsi a nuovi scenari e a nuove politiche inedite, la morte che è inscritta nell’Aquario intende rappresentare un profondo cambiamento dei nostri costumi e delle nostre certezze, lo scontro ideologico tra fazioni diverse, finalizzato a riscattare le società in nuove idee di mondo e di fratellanza, saranno il diluvio universale del nuovo mondo che sarà, la media congiunzione Giove Saturno in Aquario che si presenterà anche vicino ad una eclissi totale di Sole preannuncia un grande cambiamento economico, politico, umano e sociale, dove non si intravedono imminenti e rapide riprese, ma piuttosto un ulteriore inasprimento delle condizioni di precarietà collettiva, gli animi esasperati sono obbligati a rendersi conto di una “realtà” che non può più rispondere alle esigenze dell’umanità: l’uomo deve rendersi conto dello sfruttamento perpetuato nei confronti della terra, dei danni arrecati all’ecosistema e all’ambiente, dei danni che un’economia centrata sul consumo e sulla produzione ha causato nelle frange più deboli portando disuguaglianze sociali, prevaricazioni: il 2021 è un anno con un valore di ICP più basso di quello del 2020, possono ancora emergere situazioni destabilizzanti fondamenta già logore, e quando qualcosa muore e crolla, la coscienza dell’uomo sarà obbligata a ricostruire se intenderà realmente rialzarsi. Poiché l’Aquario è energia che purga, il 2021 ma anche la nuova ciclica Giove-Saturno (congiunzione media e mutazionale) apre proprio questo processo di distillazione e purificazione necessari.

Nell’Aquario l’aria è quella della tempesta: non si esclude che la media congiunzione, nella sua formazione e successiva separazione, possa coincidere con fenomeni climatici intensi e inediti in certi luoghi del mondo, anche come segnale di un ambiente che sta cambiando, di una terra che presenta nuovi scenari, in cui l’uomo – creatura della terra – dovrà adattarsi e prenderne atto. Ricordo che l’Aquario è un domicilio di Saturno, pianeta malefico. La media congiunzione non ha dunque inizio nei Gemelli, domicilio di Mercurio, né nella Bilancia, domicilio di Venere, ma specificatamente nel domicilio di Saturno! Inoltre la congiunzione Giove-Saturno in certe condizioni può essere problematica: quando gli astri di Giove di Saturno sono insieme, sono simiglianti a due compagni, che nondimeno sono tra loro affatto diversi e ciascuno di loro aspira a danneggiare l’altro e a mandarlo in rovina. Abû Ma’sar, Libri mysteriorum

SATURNO – URANO – GIOVE

Saturno e Giove formeranno aspetti di quadratura a Urano. In particolare l’aspetto Saturno – Urano intende rappresentare la distruzione di ciò che è stato istituito e costruito durante i precedenti transiti armonici di Saturno – Urano. La compresenza di Giove amplifica questa energia e la indirizza verso valori umani e collettivi, economici, lavorativi e di benessere sociale. Il sottoscritto, dunque, non può che evidenziare – come anche feci per le indicazioni del 2020 – un anno che continua ad essere difficile e problematico, con un possibile accenno di ripresa reale all’ingresso di Giove in Pesci, nel suo domicilio, da fine 2021, momento in cui ci avvicineremo anche a cambiamenti importanti, negli anni successivi, di Plutone e Nettuno. Ci troviamo “ai confini” di certi transiti (lenti) e ad aspetti epocali sul piano Astrologico che non possono sottostimare l’interpretazione con facili ottimismi: inoltre il segno Aquario è indebitamente considerato “positivo” quando la tradizione ci insegna che la sua energia è prima di tutto di purgazione, ovvero intende “purificare” “distillare” ciò che è torbido e sporco, ciò che è fetido e inquinato, il segno è giustamente connesso anche al concetto di morte e quindi di conseguente rinascita, l’attribuzione moderna al domicilio di Urano ha reso l’Aquario un’energia “solo idealista” e orientata al cielo stellato, quando invece prima di questa visione celestiale, l’aquario è obbligato ad attraversare un lungo processo di depurazione dalle scorie: solo in questo modo si renderà visibile all’Aquario il cielo stellato.

IL 2021 PER L’ITALIA

Il nuovo anno può essere osservato anche attraverso l’ingresso del Sole in Ariete al grado zero, che segna quindi l’inizio di un nuovo ciclo solare. Per l’Italia questo ingresso coincide con il seguente grafico, domificato per Roma, capitale d’Italia.

La figura di questo grafico è retta da Mercurio perché governa l’Ascendente e si posiziona nella casa della culminazione superiore, vicino alla cuspide del Medio Cielo. Questo aumenta i valori già difficili di Mercurio, giacché in Pesci ovvero nel suo esilio e nella sua caduta. Inoltre è in aspetto di quadratura a Marte nei Gemelli, posizionato nella casa di gioia di Saturno; Mercurio governa la casa Uno e la casa Dieci. Il segno di Mercurio è disposto da Giove in Aquario e in Casa Nove.

Il governatore qui assume una prima istanza negativa ma il dispositore del segno è benevolo e attutisce i suoi lati più difficili: così da una parte il timoniere di questo grafico esprime follia, alienazione, eccessi ideologici, confusione e torbidità, ricordo che l’Acqua dei Pesci è considerata fetida (vedi Al Biruni) e quindi la posizione di Mercurio in Pesci non può che essere esiliata e cadente, ovvero i valori normali del pianeta – ragionamento, comunicazione, buon commercio, dialettica – sono alterati nella confusione e nell’alterazione del discernimento e della capacità valutativa. Per l’Italia questa carta continua a dare un’immagine poco convincente di stabilita e ripresa imminenti, almeno per i primi sei mesi del nuovo anno quando possono esprimersi anche duri momenti dialettici nel collettivo e nell’opinione pubblica, o situazioni molto difficili sul piano del potere collettivo (Governo, ed istituzioni in genere dello Stato). Ma dalla seconda parte dell’anno, Giove come dispositore del Segno potrebbe attutire e mitigare: è nel segno Aquario domicilio di Saturno, quindi è un mitigare mediocre ma che tuttavia spinge a una ripresa o ad un leggero miglioramento graduale. Marte però giace in casa XII insieme anche alla Luna, ancora debolezze e fragilità nell’opinione pubblica sono da mettersi in conto, come anche possibili inasprimenti delle condizioni o nella percezione delle libertà individuali: Marte governa la casa Sei e Saturno la casa Otto, non siamo ancora “liberi” da situazioni di emergenza e di difficoltà!

L’aspetto di quadratura tra Mercurio (timoniere dell’oroscopo) e Marte, una quadratura dove Mercurio è sovreminente, evoca concetti legati a: inganni, scandali, cose che turbano, cose nascoste che emergono, poiché i segni coinvolti sono disposti da Giove-Mercurio questo aspetto potrebbe anche essere una importante indicazione per il nostro territorio di eventi molto aspri e difficili nel settore della Giustizia ma anche dell’ordine pubblico, di fronte situazioni idealizzate, astratte, confuse, turbate, possono insorgere scandali o momenti di severità nella magistratura, ma anche situazioni difficili, ambigue nell’opinione pubblica, ovvero ideologie alienate, astratte, che richiedono una sorta di repressione o gestione da parte dell’autorità.

Inoltre questo aspetto è indicativo anche per la Chiesa Cattolica avendo essa sede proprio in Italia: Mercurio rappresenta anche il “corpo clericale” e in aspetto a Marte, poiché coinvolta la casa XII, è indicazione di possibile scisma, o fratture interne, o momenti molto delicati nelle faccende della Chiesa. Mercurio è disposto da Giove in IX: può anche indicarci un evento veramente importante legato al Ministero del Vicario di Cristo (Il Papa), evento la cui qualità non può che essere negativa essendo Mercurio nel segno della sua caduta e del suo esilio (la fine di un papato… o qualche situazione aspra tra papato e governo della chiesa, o un momento di crisi del papato in generale, per qualche evento specifico).

Indicativamente il primo passaggio di Giove in Pesci, dalla seconda metà dell’anno, dovrebbe corrispondere a un graduale miglioramento della situazione collettiva e generale, che sarà a mio giudizio più concreta e più realistica solo a fine 2021 e poi definitivamente confermata, con una ripresa più intensa, nel 2022.

Quando Marte e Mercurio si configurano in modo disarmonico, tale incontro secondo il Tetrabiblos rende distruttori, fatui, mutevoli d’opinione e specialmente di moti disordinati. Poiché l’osservazione del grafico riguarda la collettività, l’aspetto sottolinea anche possibili moti disordinati della società, probabile dunque moti di ribellione o manifestazioni contrarie al potere centrale giacché Mercurio si configura in luogo dieci.

Mercurio, sempre secondo Tetrabiblos, è causa di cambiamenti subitanei ovvero improvvisi e imprevisti, poiché è nel segno di caduta ed esilio, possono esserci improvvisi cambiamenti della condizione sociale, visto l’Ascendente essere in segno umano, riguardare specificatamente le persone e l’opinione pubblica in genere (cambio di istituzione, di governo, di potere, cambio di realtà sociali improvvise).

Quando Mercurio è dominatore, come in questo caso “gli effetti in generale risulteranno turbolenti… causa mutamenti nelle cerimonie, nelle religioni, negli ordinamenti, nelle leggi, produce venti che cambiano repentinamente… tuoni, fulmini, spaccature nella terra e terremoti, lampi, la morte degli animali e delle piante, se occidentale diminuisce la portata dei fiumi se orientale la aumenta”.

Anche se il Sole risulterà in quadratura all’Ascendente, la sua vicinanza a Venere promette comunque una seconda parte dell’anno di ripresa e di maggiori possibilità, anche perché la vicinanza di Venere è in un segno della sua esaltazione.

FINE 1° PARTE

ALTRI ARTICOLI DI QUESTO AUTORE SUL 2021:
1° Parte2° Parte

 

BIBLIOGRAFIA
Le dimore celesti, Giuseppe Bezza
L’Arte dell’astrologia, Al biruni
Tetrabiblos, Claudio Tolomeo
Astrologia mondiale, André Barbault
Fonti Retorio www.cieloeterra.it